Ultimo aggiornamento: venerdi' 04 dicembre 2020 18:26

MOUKOKO, FINALMENTE 16: SOGNANDO ETO’O CON LA MAGLIA DEL BORUSSIA DORTMUND

20.11.2020 | 14:30

Youssoufa Moukoko, l’erede al trono della storia del calcio tedesco. E il Borussia Dortmund è pronto a proteggere e a blindare la sua stella più luminosa tanto che Haaland avvertiva: “È molto più bravo di me alla sua età. Non ho mai visto un ragazzo di 15 anni così bravo”. E’ nato a Yaoundé, la capitale del Camerun – come oggi – il 20 novembre del 2004. L’enfant prodige ha finalmente compiuto i 16 anni, l’età legale per esordire in Bundesliga dopo aver bruciato le tappe con la maglia dei gialloneri e con la maglia della Nazionale tedesca. Cresciuto nel paese centrafricano, nel 2014 insieme al papà seguì il fratello Borel in Germania prima di essere tesserato con il St. Pauli arrivando a segnare 23 gol in 13 partite dal 2014 al 2016. Da qui la chiamata del Borussia Dortmund. Un’escalation paurosa, tanto da finire sui taccuini degli osservatori di tutto il mondo. Numeri su numeri, record dopo record. Con la maglia del BvB ha segnato in ben 84 presenze ufficiali: 127 gol conditi da 26 assist.

Possiamo dirlo, ha il sangue nel gol. Dopo pochi mesi di giallonero (dopo aver rifiutato il Manchester United), a dodici anni, è diventato la star indiscussa della squadra Under17. Avete capito bene, U17 non Under 12. In Primavera? 51 gol in 32 presenze più 11 assist. Numeri mai visti primi per un giovanissimo che non può ancora nemmeno guidare vista la carta d’identità ma in prima squadra dallo scorso gennaio. Capocannoniere con l’Under15 nella stagione 2017/2018, è arrivato a timbrare il cartellino 40 volte così da essere promosso, anno dopo anno, nelle giovanili superiori ma da sotto età. “Sarà la prossima stella dopo Messi”, ha detto Samuel Eto’o. Da camerunese a camerunese. “È incredibile che un ragazzo della sua età, che gioca contro avversari di due e tre anni più grandi, possa segnare così tanti gol”, ha ribadito il Ct Joachim Löw. Adesso si punta a battere il record di Nuri Sahin, che esordì all’età di 16 anni e 11 mesi. Il D-day è arrivato, la “legge Moukoko” è finalmente entrata in vigore e si aspetta con estremo interesse il suo ingresso nel mondo dei grandi. Letale sotto porta, veloce e con una lettura perfetta degli spazi, Moukoko ha spiegato spesso di non voler ascoltare le voci: “il debutto arriverà ma voglio seguire la mia strada. Sogno di vincere la Champions con il Borussia Dortmund e poi il Pallone d’Oro”. Irrazionale? Troppo ambizioso? Per qualcuno forse sì, ma ha le carte in regola.

Foto: instagram Borussia