Ultimo aggiornamento: mercoledi' 15 luglio 2020 21:01

MOTIVAZIONI E RAPIDITÀ: HARASLIN, L’ATTACCANTE SLOVACCO TORNATO IN ITALIA ALLA RICERCA DEL RISCATTO

06.02.2020 | 13:00

Lukas Haraslin nativo di Bratislava è stato il colpo del mercato invernale last minute del Sassuolo.
Partito dal settore giovanile dello Slovan Bratislava approda per la prima volta in Italia grazie al Parma che lo acquista per coltivare il suo talento tra le fila della Primavera.
Ma l’approccio con il calcio nostrano non sarà felice per il giovane Haraslin che non andrà oltre le due presenze con la maglia della prima squadra ducale.

Successivamente – a margine della fine del campionato di Serie A e al fallimento della società – da svincolato si trasferisce in Polonia, sposando la causa della Lechia Danzica.
Nei cinque anni con la maglia della società polacca – con 108 presenze impreziosite da 12 reti – Haraslin alza al cielo la Coppa di Polonia e la Supercoppa.
Inoltre – grazie alle sue prestazioni – ottiene la convocazione nella nazionale maggiore.

Ma il destino ha ancora l’Italia nel futuro del centrocampista slovacco.
Così – nell’ultimo giorno utile per i trasferimenti invernali – Haraslin saluta la Polonia per cedere alla corte del Sassuolo.
Ma andiamo a conoscere qualcosa in più su di lui.
Lukas Haraslin, classe ’96, è un attaccante, nella fattispecie esterno offensivo: con la maglia del Lechia Danzica è stato schierato soventemente sulla corsia di sinistra anche se in determinate situazioni ha preso familiarità anche con il versante opposto del rettangolo di gioco.

La statura di 1,75 lo rende agile e rapido nei movimenti, prediligendo nel proporsi la fase finale dell’azione.
Il suo sogno – come dichiarato dallo stesso Haraslin in fase di presentazione – di tornare in Italia, ora è realtà e ha i colori neroverde del Sassuolo. Qui l’attaccante slovacco proverà a riscattare la poco fortunata esperienza di Parma, dove non è riuscito a lasciare il segno.

Foto: Lechia