News
Mirror

Morata: “Sarri è un allenatore geniale. Conte? Poteva essere l’uomo giusto per il Real Madrid”

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Alvaro Morata, attaccante del Chelsea, ha rilasciato alcune dichiarazioni parlando degli scorsi mesi ma anche di Maurizio Sarri, allenatore dei Blues, e di Antonio Conte: “Il 2018 è stato l’anno più strano per me. Il peggiore professionalmente, il migliore nella mia vita privata. Da un lato, la nascita dei gemelli è stata una gioia pazzesca. Dall’altro, per riprendermi dall’esclusione dalla Nazionale ai Mondiali, ho dovuto affidarmi ad uno psicologo. È stata una bella botta, da certe cose non ti riprendi con un paio di reti”. Su Sarri. “Mi avevano parlato di Sarri come di uno che fa giocare un gran calcio, bravo anche nel rapporto con i singoli. La cosa bella è che non devi aspettare che succeda qualcosa, un infortunio o un’incomprensione, per parlarci a fondo. Ricordo per esempio che, una delle prime volte che lo incontrai, mi chiese cosa ne pensassi dell’indipendenza dei Paesi Baschi. Mi sorprese, ma è bello avere un rapporto così. E poi, quando serve serietà è un vero e proprio generale. Ma se ci si può divertire, di fa venire il mal di pancia dalle risate… è geniale“. Su Conte. “Conte mi ha dato tanto, credo che avrebbe potuto essere l’uomo giusto per il Real Madrid. Tatticamente ce ne sono pochi come lui, ha una mentalità vincente e anche i blancos sono fatti così. Credo che al Chelsea il problema consistesse nel fatto che lui, per sentirsi a suo agio, ha bisogno di avere un certo peso all’interno del club, e qui non gli è stato concesso. Ora sto bene, voglio vincere sia con il Chelsea che con la Nazionale. Ma ciò che conta, prima di tutto, è sempre la salute”.

Foto: Mirror

Archivio: News