Ultimo aggiornamento: mercoledi' 11 dicembre 2019 15:13

Morata: “L’Atletico il meglio che mi potesse capitare”

14.07.2019 | 11:44

In un’intervista per l’agenzia EFE, Alvaro Morata ha parlato della stagione che attenderà lui e l’Atletico Madrid, considerato dall’ex attaccante di Juventus e Real “il meglio che mi potesse capitare”. Tanta determinazione da parte dello spagnolo: “Affronto questo inizio di stagione con molta speranza. E’ un anno di cambiamenti nel gruppo, ma abbiamo comunque tanta voglia di cominciare. Stiamo lavorando molto duramente per arrivare al top della forma il prima possibile, e se lavoreremo tutto l’anno come in questi primi giorni, sarà sicuramente un grande anno per noi. Apprezzo tantissimo lo sforzo che ha fatto il club, la trattativa con il Chelsea, squadra con la quale non è facile negoziare, non era per nulla scontata. Ora devo assumermi la responsabilità data da questa scelta del club. L’Atletico è il meglio che mi potesse capitare, lo ripeto spesso ma non è tanto per dire. Non è facile adattarsi ma non ci ho messo molto grazie anche ai miei compagni. Il meglio deve ancora venire”.

“Sono andati via giocatori importanti, ora tocca a noi nuovi migliorare con l’aiuto dei giocatori più importanti dello spogliatoio: Koke, Saul, Oblak. Joao Felix è giovane, ma ha delle qualità allucinanti, sarà importantissimo per noi. Abbiamo una grande squadra. Il modulo? L’importante è giocare a prescindere dal sistema di gioco, bisogna prima avere la voglia di vincere, poi di scendere in campo. Simeone sa qual è il sistema migliore per questa squadra e per ottenere il meglio. Lui riesce a tirare fuori il meglio da ogni giocatore. Quando deve rimproverarti lo fa, lo stesso per i complimenti. E’ il più onesto del mondo del calcio. Se seguiremo la sua filosofia potremo toglierci grandi soddisfazioni. Dove può arrivare l’Atletico? Questa squadra deve ambire a tutto, si è rinforzata molto bene. Siamo un grande gruppo, ci manca solo l’intesa in campo, siamo una famiglia prima che un gruppo. Dobbiamo migliorare nel più breve tempo possibile per vincere tutto”.

Foto Mundo Deportivo