Ultimo aggiornamento: venerdi' 25 settembre 2020 11:41

MIRANCHUK, QUALITÀ AL POTERE

27.08.2020 | 20:00

Miranchuk Lokomotiv Mosca Foto fclmblog

Un trequartista longilineo con grande visione di gioco e considerevole capacità di fornire assist preziosi ai compagni di squadra. Queste le caratteristiche principali di Aleksey Miranchuk, il centrocampista su cui l’Atalanta ha messo gli occhi. A 24 anni, Miranchuk ha già collezionato 25 presenze con la nazionale maggiore della Russia dopo la trafila con le rappresentative U17, U19 e U21. Ha collezionato 228 presenze con la prima squadra della Lokomotiv Mosca, con un totale di 43 gol e 44 assist. Gioca sia col destro sia col mancino, spazia su più fronti e adora giocare in libertà, da classico trequartista di ispirazione insomma. L’ex tecnico delle giovanili, durante un documentario andato in onda sull’Accademia Loko, disse proprio che sia lui che il fratello gemello Anton (che gioca anch’esso nella Lokomotiv) erano forse tra le nuove generazioni di calciatori russi capaci di intraprendere i ruoli offensivi con maggiore intelligenza, voltandosi subito alla fase tattica senza troppe difficoltà. Miranchuk ha mostrato grandi capacità anche nei calci piazzati, risultando decisivo su punizione nei gol qualificazione della Russia e in quelli preliminari con la Lokomotiv Mosca. Non poteva non ammirare i grandi centrocampisti europei come Lampard e Totti, famosa infatti la trasformazione di un calcio di rigore nello scorso dicembre con il “cucchiaio” del “Pupone”. Vecchia conoscenza proprio della Juventus in Champions League che segnò sia all’andata sia al ritorno durante la fase a gironi. Miranchuk non è nuovo ad eventuali trattative di mercato. L’anno scorso si era prepotentemente fiondato il Barcellona presentando 80 milioni per il trasferimento di entrambi i fratelli russi, poi la Juventus fino ad arrivare a Chelsea e Monaco. Oggi gli occhi del 59 russo sono soprattutto della Dea alla ricerca di un cervello di centrocampo con ottime doti offensive. L’Atalanta c’è, Aleksey pure…

 

Foto: fclmblog