Ultimo aggiornamento: lunedi' 29 november 2021 17:40

Messi: “A Parigi mi sono adattato. Favoriti per la Champions? Sì, ma dobbiamo migliorare”

23.11.2021 | 09:25

Leo Messi, stella del PSG, a Marca ha parlato dei suoi primi mesi a Parigi, dopo l’addio al Barcellona. 

Queste le sue parole: “Ora sto molto bene . Mi sono completamente adattato una volta che siamo riusciti a entrare nella nostra nuova casa e i bambini hanno iniziato la scuola e la loro routine quotidiana. Abbiamo anche dovuto fare molte trasferte in Argentina con le partite a eliminazione diretta che ci hanno impedito di avere continuità a livello di partita qui. Ma per la vita mi sono sistemato bene”. 

Sull’adattamento della famiglia. “È stato molto più facile di quanto immaginassimo all’inizio. Avevamo fatto molti giri e quanto sarebbe stato difficile per loro. E alla fine sono stati i più veloci ad adattarsi e ad abituarsi . Stanno già andando a scuola e sicuramente impareranno il francese molto velocemente, perché quando si tratta di imparare, i bambini volano. Tutto questo ci ha dato grande serenità, sia per Antonela che per me. Abbiamo visto che molto rapidamente stavano molto bene e si sono adattati alla nuova città e al nuovo paese”. 

Sulla Champions: “Tutti dicono che siamo i grandi favoriti e non nego che siamo uno dei candidati, ma abbiamo ancora bisogno di cose per essere una squadra davvero forte. Dobbiamo finire di consolidarci come squadra e abbiamo il vantaggio di avere grandi giocatori per riuscirci. Ma non siamo gli unici, ci sono altre grandi squadre che si candidano. La Champions League è una competizione molto difficile , che la rende così bella e speciale. Le squadre migliori ci sono e sta diventando sempre più complicato. Sì, siamo uno dei favoriti, ma non gli unici”.

Altre candidate alla Champions: “Oggi il Liverpool sta molto bene, è tornato ad essere il Liverpool che ha vinto la Champions League qualche anno fa. Poi ci sono il City, il Bayern, il Real Madrid, l’Atlético … Ci sono molte squadre che possono lottare per questa Champions League, che è una delle più equilibrate e competitive degli ultimi anni perché ci sono diverse squadre che possono scegliere di vincerla”.

E non c’è Ronaldo?: “Lo United è una squadra molto forte con grandi giocatori. Cristiano conosceva già il club, ma quello era in un’altra fase e ora si è adattato in modo impressionante . Fin dall’inizio ha segnato gol come sempre e non ha avuto problemi ad adattarsi. In Premier non è così buono come tutti pensavamo, ma è una competizione molto difficile e uniforme in cui le cose prendono molte svolte. Dopo dicembre cambia molto e tutto può succedere”.
I duelli con CR7: “È passato molto tempo da quando abbiamo smesso di competere nello stesso campionato. Abbiamo gareggiato individualmente e in squadra per gli stessi obiettivi. È stato un palcoscenico molto bello per noi e anche per le persone perché si sono divertite molto . È un bel ricordo che rimarrà nella storia del calcio”.
Foto: Facebook PSG