Ultimo aggiornamento: venerdi' 06 dicembre 2019 18:32

Marino: “Squadra in ritiro per ritrovare la giusta concentrazione. La rosa è adeguata, sappiamo dove intervenire”

03.12.2019 | 10:55

Una sola vittoria nelle ultime sei partite di campionato e una pesante sconfitta subita nell’ultimo turno di campionato allo stadio Olimpico contro la Lazio. L’Udinese deve invertire la rotta il più presto possibile per non rischiare di complicare ulteriormente una classifica che vede i bianconeri a +4 dal terzultimo posto. Il direttore dell’area tecnica dei friulani, Pierpaolo Marino, ha analizzato il momento in un’intervista rilasciata a Udinese Tonight: “Il focus che dobbiamo fare dopo la gara di domenica è sulla prestazione. Che il risultato potesse essere non favorevole in una gara come quella all’Olimpico contro la Lazio poteva essere messo in preventivo. Più che arrabbiati siamo preoccupati per il modo in cui il risultato è maturato. L’approccio al match, da un punto di vista di concentrazione mentale, è stato sbagliato”.

Dirigenza

La Proprietà e la dirigenza sono presenti. Già da ieri si è aperto un tavolo di confronto con la squadra su questo argomento. Sappiamo dove intervenire e dobbiamo mantenere i piedi per terra, avere calma ma anche determinazione perché quello che può mancare all’Udinese può essere un risultato ma non l’orgoglio e la voglia di dare il massimo per onorare la maglia. Siamo convinti che questa squadra quando va in campo concentrata ha tutte le carte in regola per generare partite migliori di quella di domenica“.

Ritiro 

“Il ritiro non è che sia la panacea, ma dobbiamo apporre dei correttivi. Credo molto in questa squadra ed ecco perché sento che sia necessario pungolarli nell’aspetto che deve essere anche educativo al fine che non ripeta certi errori che possono affiorare anche in base alle esperienze degli anni precedenti. Questa squadra quando è concentrata può tenere aperta qualsiasi partita, anche le più difficili”.

De Paul

“De Paul è un grande giocatore e sono convinto che nel tempo ci darà il rendimento consono alle sue potenzialità. Sono un suo estimatore. Lui magari potrà essere il bersaglio delle maggiori critiche essendo il giocatore più rappresentativo dell’Udinese in campo mondiale e perché gioca nella Nazionale argentina, una delle più forti al mondo e che annovera giocatori di primissima qualità. Io guardo al gruppo-squadra e alle carenze che non deve più mostrare. De Paul può funzionare se tutta la squadra gira”.

Foto: Twitter Udinese