Maksimovic gruppo Napoli Twitter

Maksimovic: “Sono rinato con Ancelotti, ci siamo subito capiti. Su Albiol, Koulibaly e la Juve…”

Nikola Maksimovic, difensore serbo del Napoli, è tornato alla grande e con Carlo Ancelotti si sta ritagliando un ruolo da protagonista in particolar modo in Champions League. Queste le sue dichiarazioni rilasciate ai microfoni Radio Kiss Kiss Napoli:

Rinascita Maksimovic, è un momento molto bello questo tuo terzo anno. “La rinascita è nata con Ancelotti, dopo il prestito di sei mesi e la possibilità di restare lì. Il primo giorno parlammo e ci siamo capiti bene. Ho capito cosa voleva, ho lavorato tanto per avere questa opportunità. Spartak? Ringrazio Carrera, è stato un buon periodo lì, il campionato è corto ma è stata una buona esperienza. Il campionato è diverso, per me è andata bene ma poi la squadra non è andata in Champions”.

Sulle prestazioni in Champions. “Ci stiamo divertendo anche contro squadre che puntano a vincere la Champions. Al sorteggio tutti dissero era difficile, ora dipende da noi. A Liverpool non sarà facile, ma siamo forti come gruppo”.

Mentalità Ancelotti. “E’ fondamentale, l’ha portata a Napoli. Siamo incazzati per il gol subito con la Stella Rossa, la concentrazione è un po’ calata e subito si prende gol, non deve più accadere e stiamo lavorando per questo”.

Sul Chievo: “Abbiamo provato in tutti i modi, anche il mister con i cambi. Dispiace per i 50mila allo stadio, ma anche per noi perché fino a quel momento eravamo cresciuti tanto, facendo tante cose positive. Il calcio è così, c’è una gara che per tutti è facile ma il pallone non entra e dovevamo pensare subito alla Stella Rossa come abbiamo fatto. Ora c’è una trasferta difficile”.

Una diceria che Maksimovic può giocare solo a 3? “Sì, lo dicevano all’inizio. Linea? Ringraziamo anche Sarri, lui era molto attento. Al Chelsea con lui? Sto bene qui (ride, ndr). Non parlo male di lui, ma sto bene qui, così come la mia famiglia e voglio dimostrare il mio valore”.

Sull’Atalanta: “Lì è sempre difficile, è un ambiente caldo, una squadra fisica che gioca uomo contro uomo a tutto campo, una squadra un po’ strana ma abbiamo parlato col mister di come dobbiamo giocare, un po’ diversamente rispetto al passato e speriamo di fare risultato. Duvan? E’ molto forte fisicamente, ma anche tecnicamente, sta facendo buone cose. Ma pensiamo a noi, siamo il Napoli e dobbiamo vincere. Dobbiamo pensare a mettere intensità dal primo minuto, molte partite quando cominciamo bene poi facciamo risultato”.

Esperienza di Albiol e la forza di Koulibaly. “E’ il miglior difensore al mondo, ma ringrazio anche Raul che ci aiuta tanto con la sua esperienza di calcio. Abbiamo buoni difensori, ci conosciamo bene, sappiamo cosa fare in campo e sono contento di stare con loro”.

Meno 8 dalla Juventus, ci credete? “Qui è il posto più bello dove vincere lo Scudetto, sarebbe un sogno. Siamo forti e possiamo competere, il mister è arrivato 6 mesi fa ed all’inizio parlava del gruppo, che non l’ha mai avuto. Disse che alla fine riusciremo a fare qualcosa di importante. 8 punti sono tanti, c’è molto da fare, ma se non vinciamo quest’anno se restiamo col mister possiamo lottare”.

Foto: Napoli Twitter

Archivio: Altro