Martinez Lautaro contro Lione a Lecce Foto Inter Twitter

Lautaro, parla l’ex allenatore: “In attacco può giocare dappertutto, è simile ad Aguero. Il suo soprannome…”

Il nuovo acquisto dell’Inter, Lautaro Martinez, potrebbe rappresentare una delle grandi sorprese del nostro campionato. Questa sera Spalletti pensa di schierarlo in campo da titolare nella trasferta di Sassuolo. Sulla crescita del gioiellino argentino classe ’97 ha parlato il suo ex allenatore (ai tempi delle giovanili) Manuel Fernandez, intervistato dalla Gazzetta dello Sport. Queste le sue parole: “In tre anni ha fatto i salti che di solito si fanno in dieci. Il rischio di confonderti è alto, quello di perdere la direzione è reale. Invece in lui di pari passo col livello e la fama aumentano l’umiltà e la concentrazione. È come se avesse fatto un pieno di fame a casa sua che adesso vuole saziare in fretta. Al Racing è arrivato a 17 anni. Una stranezza. In Argentina quelli forti di solito sono in una grande sin da piccolini. Lui nel 2014 giocava ancora nel Liniers di Bahia Blanca. Arrivava tardi, ma ha fatto tutto di fretta: due anni dopo era titolare coi grandi, poi l’EuropaIn realtà all’inizio ha avuto problemi anche da noi. Nei primi tempi voleva tornare a casa. Dopo una settimana che era con noi partivamo per un torneo a Mar del Plata. Lui non sarebbe dovuto venire, era arrivato da poco ma si infortunò Brian Mansilla, che oggi è il centravanti del Racing. Così venne Lautaro: in quelle 5-6 partite del torneo segnò 12 o 13 reti. I compagni lo soprannominarono lì “El Toro” e da allora si preoccuparono tutti che stesse bene, che non avesse nostalgia. Avevano capito che li avrebbe fatti vincere. Può fare tutti i ruoli d’attacco: da esterno ha velocità e salta l’uomo, in area vanta quell’olfatto speciale per il gol. Da numero ’10’ ha difesa della palla e capacità di gestirla. Ha mille varianti. Ricorda molto Aguero perché anche il Kun può stare in area o uscire fuori. Non ho dubbi che possa arrivare ai suoi livelli. Parlo con lui spesso, è contento, si trova bene. Uno dei motivi per cui ha scelto l’Inter è per avere più minuti che altrove. Vuole giocare sempre, per adattarsi e crescere”. 

Foto Inter Twitter

Archivio: Calciomercato