Ultimo aggiornamento: venerdi' 25 settembre 2020 14:32

L’agonia di Diego Costa: “Io urlavo di dolore e il medico fumava le sigarette”

29.04.2020 | 14:54

Una rivelazione scioccante quella fatta da Diego Costa alle telecamere di ESPN Brasil. Infatti, l’attaccante dell’Atletico Madrid ha raccontato il suo disperato tentativo di recuperare in tempo per la finale di UEFA Champions League 2014 giocata contro il Real Madrid. Infortunatosi soli sette giorni prima, il calciatore decise di volare a Belgrado, per affidarsi alle cure della dottoressa Marijana Kovacevic, che con la sua innovativa cura aveva già rimesso in piedi, in tempi record, giocatori del come Frankie Lampard e Robin Van Persie. “Si tratta di uno dei peggiori ricordi della mia carriera – ha detto – Quel trattamento era un vero e proprio elettroshock. Mentre io soffrivo le pene dell’inferno, per due ore, il dottore fumava un paio di sigarette. È stato durissimo e molto doloroso, uno dei momenti più tristi della mia carriera.” Il metodo, molto discusso, prevede massaggi con un particolare rullo sulla zona infortunata, che veniva cosparsa con un gel ricavato dalla placenta di una cavalla. Il paziente, poi, veniva sottoposto a un flusso di energia ad alta frequenza che, secondo gli specialisti serbi, aveva la capacità di accelerare eccezionalmente la rigenerazione dei tessuti senza risultare invasivo.

 

 

Foto: profilo Twitter ufficiale La Liga