Ultimo aggiornamento: sabato 06 marzo 2021 00:15

ESPLOSIVITÀ, VELOCITÀ E DRIBBLING UBRIACANTE: ECCO JORDI MBOULA, LA NUOVA STELLA DEL BARÇA

28.04.2017 | 10:20

Il Barcellona è storicamente un club che punta forte sul proprio settore giovanile. La cantera blaugrana negli ultimi anni ha sfornato una quantità incredibile di campioni prodotti in casa, che hanno consentito al Barça di costruire una squadra superba, in grado prima di vincere 14 trofei su 19, prima sotto la guida di Guardiola e poi con Luis Enrique. Tra le nuove generazioni, il nome che brilla maggiormente a La Masia, è sicuramente quello di Jordi Mboula, talento cristallino classe 1999 che si è recentemente guadagnato i titoli dei giornali grazie ad un gol pazzesco siglato contro il Borussia Dortmund in Youth League in pieno stile Messi. Ha preso palla a centrocampo, ha dribblato in maniera magnifica diversi avversari e si è involato a rete battendo il portiere con una facilità disarmante. Inevitabile il paragone con il fenomeno argentino, anche se Mboula è stato paragonato a più riprese dalla stampa catalana a Thierry Henry, che da quelle parti è ricordato con grande gioia. Non a caso, il giovanissimo spagnolo è già stato soprannominato ‘Titi’.

Padre congolese e madre spagnola, Jordi Mboula Queralt è nato a Granollers, a 30 chilometri da Barcellona, il 16 marzo 1999. I suoi genitori si erano incontrati in Cina e Mboula ha vissuto in Asia per due anni prima di tornare nella penisola iberica. Ha iniziato a giocare a nove anni con l’Amelia del Vallès prima di passare al Granollers. Un anno dopo era già al Barcellona. Mboula è entrato a far parte della formazione Alevín B di Xavier Bravo, ma essendo molto più bravo dei suoi coetanei è passato velocemente, alla fine della stagione, a quella A, allenata da Andres Carrasco. In seguito, con la formazione Cadete B, sotto la guida del tecnico Franc Artiga, Mboula è cresciuto molto sia fisicamente che tatticamente, segnando caterve di gol e realizzando numerosi assist, fattori che hanno portato la sua squadra a vincere facilmente il campionato di categoria. Nella passata stagione, il giovane talento del Barça è migliorato ulteriormente, acquisendo più personalità e affinando le sue già buone qualità tecniche, doti che gli sono valse la convocazione per l’europeo di categoria. Velocità, esplosività e un dribbling ubriacante, Jordi Mboula è prettamente un’ala destra, ma che può giocare indifferentemente su entrambe le corsie. Potente fisicamente e molto rapido, ha nella progressione palla al piede il suo punto di forza, che viene ancora più accentuato grazie alla sua buona tecnica di base. Abile nell’uno contro uno, sa effettuare delle giocate e dei dribbling spettacolari, con una grande capacità: quella di rallentare l’azione e poi ripartire da fermo lasciando sul posto qualsiasi difensore avversario. Alto 182 centimetri, Mboula sfrutta al meglio i suoi muscoli e il suo fisico possente quando si tratta di difendere la palla e resistere ai contrasti più energici. Dotato anche di una grande personalità, il talento 18enne sopporta bene le pressioni e gioca con tranquillità anche i palloni decisivi delle partite. Caratteristica che solitamente si riscontra solo nei veri campioni. Senza dimenticare la freddezza sotto porta, migliorata nel corso degli anni: nell’attuale edizioni di Youth League, di cui è capocannoniere, ha realizzato la bellezza di 8 reti in 9 presenze. Numeri importanti, che testimoniano la classe cristallina del giocatore cresciuto nella Masia blaugrana. Come spesso accade per i migliori talenti del Barcellona, molti top club europei sono già piombati su Mboula: Manchester United, City, Borussia Dortmund, Liverpool, Benfica, e – ultimo in ordine cronologico – il Monaco. Proprio quest’ultimo, sempre attento ai giovani calciatori emergenti, in questi ultimi giorni avrebbe già avviato le trattative con il Barça e con l’entourage del giocatore in vista prossima estate. Affare che potrebbe essere facilitato dal contratto del 18enne, in scadenza nel 2018 e con una clausola rescissoria bassissima, pari a 3 milioni di euro. Il Barcellona, dal canto suo, è già al lavoro per blindarlo con un nuovo contratto, ma le sirene estere potrebbe far vacillare le convinzioni del giocatore. Nel frattempo, però, il Barça si gode tutta la classe cristallina di Jordi Mboula, che ha tutte le carte in regola per diventare una futura stella del calcio spagnolo e mondiale. Le premesse ci sono tutte.

Foto: Twitter Diario Sport