Inzaghi Marsiglia foto L'Equipe

Inzaghi e il Marsiglia: dal poker in campo alla sfida in panchina dal sapore di derby

Simone Inzaghi e il Marsiglia, un binomio che sicuramente evoca dolci ricordi all’attuale tecnico biancoceleste. Domani, la Lazio dovrà vedersela al Velodrome contro la banda di Rudi Garcia, gara dal sapore di derby (a proposito, in campo ci sarà Strootman) e valida per la terza giornata alla fase a gironi di Europa League. Una sfida complicata, ma che Inzaghi ha già affrontato da calciatore, proprio della Lazio. Era il 14 marzo del 2000, e si giocava la seconda fase a gironi della Champions League. L’OM navigava in cattive acque in campionato, un’insidia in più per gli uomini di Eriksson che dovevano assolutamente strappare la vittoria per accedere ai quarti. Ma dopo 17 minuti, Simone Inzaghi mise subito le cose in chiaro: tiro rasoterra sotto le gambe del portiere avversario, vantaggio biancoceleste. Venti minuti più tardi arrivò la doppietta, poi, dopo solo un minuto, anche il tris. I francesi, nella ripresa, avevano provato ad accorciare le distanze con Leroy, ma invano: dopo un’altra manciata di minuti ecco che Simone cala il poker da urlo. Inzaghi, con quella magica impresa, entrò nella storia come il primo calciatore italiano ad aver segnato quattro gol in una singola gara di Champions. Il match terminò 5 a 1, con la rete finale di Boksic. Una gara che l’attuale tecnico biancoceleste difficilmente dimenticherà. E domani Inzaghi proverà nuovamente a far male al Marsiglia, stavolta seduto in panchina nelle vesti di allenatore. L’ex giallorosso Rudi Garcia è avvisato…

 

Foto: L’Equipe

Archivio: Europa League