Ultimo aggiornamento: martedi' 09 marzo 2021 00:22

Immobile: “Vorrei restare alla Lazio a vita. Inzaghi? E’ come Klopp”

26.04.2020 | 14:00

Intervenuto in diretta Instagram con Er Faina, l’attaccante della Lazio e della Nazionale, Ciro Immobile, ha affrontato diversi argomenti: “Il calcio manca a me come a tutti. – ha spiegato – Io già sto pensando a cosa questo club potrà fare nel futuro. Non so se chiuderò qua la carriera, magari quando avrò 33 anni la Lazio sarà talmente forte che avrà bisogno di giocatori che possano ancora tenerla a questi livelli. Mi piacerebbe restare a vita, ma non voglio essere di peso. Fino a quando indosserò questa maglia darò il massimo. Con Lotito ho un bellissimo rapporto, c’è massimo rispetto e stima reciproca. Stessa cosa con Tare e Peruzzi. La Lazio per me è destinata a rimanere al vertice negli anni, è una società seria, con tifosi fantastici. Anche nei momenti di difficoltà ho visto come il club ha reagito: qui si lavora in serenità. Anche quando si discute, torna tutto come prima, i problemi li abbiamo sempre risolti guardandoci in faccia. Con Inzaghi poi mi trovo benissimo. A inizio anno c’è stata la discussione per la mia reazione per la sostituzione contro il Parma, ma quello non sono io, è stato un comportamento dettato dal momento. Avevo segnato, fatto una bell’azione prima. Quel cambio mi ha fatto reagire in modo sbagliato. Ho sbagliato nei confronti sia del mister che della gente. Sapevo in fondo che lui conoscendomi mi avrebbe perdonato. Però è sempre brutto farsi vedere in quel modo, nella mia carriera non l’ho mai fatto e mai lo rifarò. Inzaghi ha gestito bene la situazione: la panchina con l’Inter, nella gara successiva, è stata giusta. Abbiamo parlato tanto in quel periodo e abbiamo risolto tutto. Non c’era nemmeno bisogno di fare pace. La mia esperienza a Dortmund? Klopp è fortissimo, è un intenditore di calcio. Mi piaceva lavorare con lui, ho sempre detto che mi sarebbe piaciuto stare con lui nel mio momento migliore. Parliamo di un tecnico completo. Dico che Inzaghi è un allenatore europeo proprio perché è completo proprio come Klopp. Loro due si somigliano per quanto riguarda la motivazione, anche se agiscono in maniera diversa.”

 

 

Foto: profilo Twitter ufficiale SS Lazio