Ultimo aggiornamento: giovedi' 23 giugno 2022 00:20

Il retroscena: Inzaghi pone veti per Bastoni. Skriniar, il PSG rilancerà: c’è un tetto

16.06.2022 | 23:20

C’è stato un momento in cui Simone Inzaghi è stato interpellato su Bastoni. La sua risposta è stata all’interno di un’incedibilità assoluta, blindatura totale, per un discorso tecnico e tattico. L’Inter potrebbe cambiare modulo e passare dal 3-5-2 al 3-4-1-2 o al 3-4-2-1, Bastoni viene definito essenziale, indispensabile. Se si presentasse qualcuno nei prossimi giorni, dovrebbe portare una proposta in tripla cifra. Questo per sintetizzare quanto sia importante, fondamentale, Bastoni nei meccanismi del tecnico nerazzurro. Lo sarebbe anche Skriniar, non si discute, ma qui il discorso può cambiare. Mettiamola così e nessuno si offenda: se dovesse sacrificarne una, sapendo che c’è Bremer dietro l’uscio, l’allenatore direbbe al club di ascoltare eventuali proposte per Skriniar. Ovviamente quest’ultimo vorrebbe restare, ma il Paris Saint-Germain aumenterà l’offerta (Skriniar ha comunque altri estimatori). Nei giorni scorsi vi abbiamo raccontato che l’Inter ascolterebbe soltanto proposte – bonus compresi – non lontane dagli 80 milioni. Una provocazione? Più che altro una sfida come quella andata in onda la scorsa estate per Hakimi al PSG. I francesi rilanceranno, possibile che si arrampichino fino ai 65 milioni e a quel punto dipenderà dai bonus (secondo l’Inter ottimi e abbondanti). Non sarebbe un problema migliorare lo stipendio del centrale e salire fino a 7,5-8 milioni a stagione, è sul cartellino che il PSG dovrà essere convincente. Situazione da seguire.

Foto: Twitter Inter