Ultimo aggiornamento: sabato 19 giugno 2021 00:22

Il retroscena: Allegri gradisce la Roma. Fonseca sul filo, con molti punti a sfavore

24.09.2020 | 00:00

Ora Paulo Fonseca deve darsi una mossa, possibilmente già domenica contro la Juve. Bene che gli andasse, la fiducia (in caso di sconfitta al prossimo giro) potrebbe essere procrastinata fino alla trasferta di Udine. Forse. Già, perché Max Allegri sta seriamente entrando nell’ordine di idee di considerare la Roma, se la Roma chiamasse. Un organico che gli piaceva molto prima che si infortunasse seriamente Zaniolo. E che gli piace lo stesso, a maggior ragione con la conferma di Dzeko. Magari con qualche aggiustamento da fare ancora, un terzino (se tornasse di moda il prediletto De Sciglio?) e un centrocampista molto muscolare (l’identikit è alla Bakayoko, il muscolare che è stati sedotto e poi abbastanza abbandonato fin qui dal Milan). E forse Dzeko si è un po’ tranquillizzato, sapendo che la Roma presto potrebbe avere una svolta tecnica. Il bosniaco con Fonseca nell’ultimo periodo non si è trovato, eloquenti in tal senso le dichiarazioni dopo l’eliminazione in Europa League. Fonseca ha molti punti a sfavore, non sente più la fiducia, il mercato gli rimbalza addosso, magari gli regaleranno Smalling che lui invoca da settimane. Ma ora serve soprattutto una svolta, già domenica contro la Juve. Già, perché Allegri è un’ombra. E la domanda sarebbe: se Max andasse alla Roma, potrebbe poi tornare a lavorare con Paratici (seguito dai giallorossi in caso di mancato rinnovo con la Juve) dopo il gelo che portò alla fine del rapporto con Allegri? Calma, una cosa per volta. Ora palla a Fonseca, deve giocarla bene.

Foto: Twitter Juve