Ultimo aggiornamento: mercoledi' 03 november 2021 13:20

Il mercato in campo – Salernitana, l’anima del Campione Franck Ribery

03.11.2021 | 13:15

“Speriamo che il Signore ce lo conservi a lungo in queste condizioni, siamo molto aggrappati a lui”, il commento di Stefano Colantuono sulla prestazione di Franck Ribery contro il Napoli.

In estate il campione francese, una volta archiviata l’esperienza di Firenze, era stato accostato a diverse compagini in Serie A, tra le quali Hellas Verona e Sampdoria, senza trovare un club pienamente convinto nel puntarci. Trentotto anni e diversi infortuni subiti nelle ultime annate hanno probabilmente allontanato vari potenziali estimatori, due fattori spesso destinati ad incidere maggiormente rispetto all’aspetto ingaggio.

Tanta la voglia dell’ex Bayern Monaco di proseguire la carriera in Italia, la Salernitana ha colto al volo l’occasione, ponendo il valore tecnico come priorità assoluta rispetto all’attenzione mediatica a livello internazionale. L’investimento Simy non ha ancora portato i frutti sperati, Federico Bonazzoli è stato finora poco impiegato dal 1′, Gondo va valutato nella massima serie. Ai campani serviva come il pane un elemento che abbinasse superiore tasso tecnico ad indiscutibile esperienza per aprire le difese avversarie e accendere la manovra.

Franck Ribery un sogno tramutato in realtà per i tifosi della Salernitana. Era facilmente preventivabile un campionato ricco di sofferenza per i granata, la gestione Castori è già giunta al capolinea, Colantuono ha riscattato la pesante debacle con l’Empoli andando a vincere a Venezia. I sette punti raccolti consentono di restare ancora agganciati al treno salvezza, uno scenario attuale grazie soprattutto all’apporto del campione francese.

Si è subito fatto ben volere dalla piazza e dallo spogliatoio, mettendosi completamente a disposizione del gruppo dentro e fuori dal campo, con estrema professionalità e massima umiltà. Non ha fatto pesare il nome e la carriera, scende in campo non risparmiandosi mai, andando ad aiutare il compagno in difficoltà, la sua innata classe viene messa al servizio del collettivo in modo funzionale ed efficace.

Anche contro la capolista Napoli abbiamo ammirato giocate a cinque stelle, non destinate a giochi circensi ma a rendere il più possibile fluida, concreta e pericolosa la manovra, in più occasioni ha sfiorato la gioia del goal senza dare punti di riferimento. Il rendimento e la condizione fisica ottimale di Frank Ribery rappresentano aspetti fondamentali affinchè lungo il cammino salvezza la Salernitana possa giocarsi le proprie carte fino in fondo per centrare l’obiettivo.

Non avevamo già dubbi a priori e il campo non ha fatto altro che confermarlo: Salerno non ha puntato su un’illustre e prestigiosa figurina, bensì su un campione talmente ricco di stimoli ed entusiasmo che fa pensare ad un talento dinanzi alla potenziale svolta della carriera.

Diego Anelli Direttore www.sampdorianews.net

Foto: Twitter Salernitana