Ultimo aggiornamento: domenica 07 marzo 2021 18:58

Il mercato in campo – Pablo Rodriguez, la ciliegina di Corvino

17.02.2021 | 13:00

È sempre elevato il numero di club che pensano principalmente ad accogliere elementi in esubero dalle big, oppure valorizzare i talenti altrui. Poca ambizione, altrettanta fantasia. Fortunatamente nella massa non manca chi vanta fiuto per i prospetti, ama scovarli in giro per il mondo, punta ad aumentare il patrimonio della società per la quale lavora.

In tali eccezioni rientra di diritto Pantaleo Corvino, scopritore nato di campioni del domani. A distanza di tanti anni ha deciso di tornare al Lecce, bisognoso di un’autentica rivoluzione, un nuovo progetto dopo il ciclo Liverani, con la doppia promozione e una salvezza mancata per non molto.

Morten Hjulmand, John Björkengren, Güven Yalçın rappresentano alcuni dei frutti di una semina potenzialmente invidiabile nei mercati più ricchi di opportunità in termini qualità – prezzo. La ciliegina sulla torta può essere stata selezionata direttamente a Madrid: Pablo Rodriguez. I salentini sono riusciti a bruciare una folta concorrenza europea assicurandosi uno dei più interessanti talenti del Real, tra i protagonisti della Youth League conquistata.

In giallorosso finora quattro reti in poco più di duecento minuti in sei presenze, il classe 2001 ha sempre gonfiato la rete in meno di un’ora, ogni cinquantatre minuti. Non c’è alcun dubbio, sta incantando per concretezza, tecnica ed eleganza, non risparmiandosi in termini di abnegazione. L’acquisto a titolo definitivo dopo lo svincolo e la firma su un contratto quinquennale dimostrano il tempismo nel cogliere grosse opportunità di mercato e la serietà del nuovo progetto pluriennale dei pugliesi.

Sarà il tempo a dirci se Pablo Rodriguez riuscirà a proseguire la crescita tra i professionisti in Europa, facendosi le ossa in un campionato sopra la media per tasso di difficoltà. L’impatto con il nuovo mondo calcistico è stato ottimo, mantenere un rendimento costante sarà un compito ancora più ostico. Il talento di Las Palmas sarà chiamato a metterci tanto del suo, il resto spetterà alla gestione Corini.

Uno scenario possibile grazie all’intuizione, al lavoro sotto traccia nel top scouting di Pantaleo Corvino, già noto a Lecce per le scoperte di spessore, tra le quali Vucinic, Bojinov, Ledesma, Chevanton. Possono passare gli anni ma il buon vino non fa altro che migliorare.

Diego Anelli Direttore www.sampdorianews.net

Foto: Twitter Lecce