Ultimo aggiornamento: venerdi' 22 november 2019 12:53

Il Lecce frena la Juve: a Dybala risponde Mancosu

26.10.2019 | 17:15

Nella nona giornata di Serie A il Lecce ospita la Juventus. Liverani, squalificato dopo l’espulsione rimediata a San Siro, schiera i suoi con il consueto 4-3-1-2 confermando la difesa per intero, le novità sono Petriccione e Farias al posto di Tabanelli e Falco. Sarri, che lascia Cristiano Ronaldo a Torino, risponde a specchio con Pjanic in cabina di regia, Bernardeschi agisce alle spalle di Dybala e Higuain. La prima occasione è per i salentini al 2’ con Majer che raccoglie una respinta corta e lascia partire una botta dal limite che impegna severamente Szczesny. Dopodiché inizia la gara della Juve, con diversi scambi nello stretto e verticalizzazioni improvvise che portano più volte al tiro Dybala e Higuain. L’ex Napoli trova anche il gol al 15’, su assist di Alex Sandro dalla sinistra, ma il VAR annulla per posizione irregolare. Dybala si presenta davanti alla porta, stavolta è Gabriel a mandare in angolo. Poco prima dell’intervallo occasione anche per i padroni di casa, colpo di testa di Mancosu, tutto fermo per fuorigioco. Squadre negli spogliatoi. Nella ripresa la partita si infiamma e dopo pochi minuti Valeri decreta un calcio di rigore per la Juve punendo l’intervento di Petriccione su Pjanic. Dal dischetto va Dybala e non sbaglia, 0-1. Il Lecce non demorde e non si scompone, anzi, inizia ad attaccare con più convinzione e al 60’ Szczesny compie un grande intervento sul sinistro di Mancosu diretto all’incrocio. Sugli sviluppi del successivo corner, Tachsidis mette al centro e ancora De Ligt colpisce la palla con il braccio largo ed è penalty per i salentini: lo specialista Mancosu spiazza Szczesny e rimette le cose a posto. A quel punto i bianconeri attaccano con veemenza. Bernardeschi sfugge via in profondità, salta Gabriel e colpisce il palo. Dybala e Higuain tentano spesso la conclusione, ma un po’ di imprecisione e un ottimo Gabriel tengono in vita la formazione di Liverani. Da segnalare il tremendo infortunio di Higuain a causa di un colpo alla testa, il Pipita viene travolto da Gabriel in uscita e dopo il triplice fischio abbandona il terreno del “Via del Mare” in barella. Non c’è più tempo, finisce 1-1. Il Lecce, oggi guidato dal vice Coppola in panchina, ferma la corazzata Juventus replicando l’ottima prestazione di San Siro contro il Milan. Per la squadra di Sarri, invece, si tratta di una brusca frenata.

Luigi D’Ambrosio

Foto: Juventus Twitter