Ultimo aggiornamento: lunedi' 01 marzo 2021 00:22

Ibrahimovic: “Essere campioni d’inverno non serve a niente. Mandzukic? Parla poco, è uno molto serio”

23.01.2021 | 20:53

Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan, ha parlato così ai microfoni di Sky Sport dopo la sconfitta contro l’Atalanta: “Oggi sono mancate tante cose. Adesso l’importante è recuperare e aspettare la prossima partita. La squadra è un po’ fragile perché mancano 4-5 titolari entrano giocatori che non hanno grande esperienza e tante partite in Serie A. Ma questa non può essere una scusa, siamo primi”.

Siete campioni d’inverno.
“Non vale a niente”.

Ti piacerebbe giocare con Ilicic?
“Quando gli dai tanto tempo per lui è facile giocare. Oggi aveva tanto tempo col pallone e ha fatto una grande partita, poteva fare più gol ed è stato fin troppo gentile. Se nessuno mi pressa ho più tempo per fare le mie cose”.

Il titolo di campione d’inverno non ti lascia nulla?
“Significa che finora abbiamo fatto bene, ma non è finita ancora. Ora viene il periodo più difficile, con tante partite che ci aspettano. Ora bisogna stare bene fisicamente e continuare col nostro ritmo”.

In attacco ti sentivi solo?
“Nel primo tempo mi sentivo solo. Quando mi arriva il pallone uno deve starmi vicino, invece mi sentivo solo. Può essere anche per la pressione dell’Atalanta, che ti mette in difficoltà”.

Cosa vi siete detti con Mandzukic?
“Non è uno che parla tanto, si vede. Ho provato a dargli il benvenuto in slavo, in italiano, ma quando Pioli l’ha invitato a dire qualcosa alla squadra ha detto di no. E’ una persona molto seria, concentrata, e vuole il suo spazio. Sicuro”.

Come si gestisce questo ko?
“Bisogna pensare alla prossima partita e pensare positivo. Dobbiamo studiare la gara di oggi e guardare dove abbiamo sbagliato”.

Vuoi salutare Conte?
“Ciao, ciao Antonio. Ci si vede martedì”.

Foto: Twitter Milan