Ultimo aggiornamento: martedi' 22 ottobre 2019 23:37

Genoa-Milan: due panchine che scottano tra retroscena e rifiuti

04.10.2019 | 23:45

Genoa-Milan di domani sera vale tanto, tantissimo, per due panchine che scottano. Ha ragione Andreazzoli quando dice che sei giornate non sono sufficienti per apprezzare il suo lavoro, ma avrebbe dovuto fare queste considerazioni prima di accettare la proposta rossoblù. Avrebbe dovuto conoscere Preziosi che non concede tempo, pretende i risultati, è pronto all’esonero. E lo avrebbe già fatto, dopo la rovinosa caduta in casa della Lazio, se Gattuso avesse detto sì. Invece Gattuso ha rifiutato e difficilmente cambierà idea. Così Andreazzoli spera di stupire e di andare allo prossima sosta salvo, ma sa che la fiducia non c’è più. In lista resta Davide Nicola, dopo che Preziosi ha accarezzato l’idea Thiago Motta che è sprovvisto di patentino. E il Milan? Giampaolo ha la pseudo fiducia di Paolo Maldini, pseudo perché lo stesso dirigente è sotto la lente d’ingrandimento. Boban, invece, ha idee completamente diverse, soltanto una vittoria convincente potrebbe consentire a Giampaolo di andare avanti. Ma il Milan si è già mosso, incassando il no di Spalletti dopo aver valutato varie opzioni (Garcia, sullo sfondo Wenger che si sente più un manager), dopo aver scartato qualche soluzione e dopo aver memorizzato la quasi impossibilità di convincere Shevchenko a lasciare l’Ucraina. E Gattuso? Ha detto no al Genoa, la sua eventuale candidatura per il Milan sarebbe possibile soltanto se – in presenza di un’altra sconfitta – pagassero i responsabili di mercato. Tutto questo perché una convivenza tra Maldini e Gattuso risulterebbe come minimo molto complicata.

 

Foto: Twitter Milan – Twitter Genoa