Ultimo aggiornamento: mercoledi' 18 settembre 2019 20:27

GAVETTA E KILLER INSTINCT: PUKKI, LA MACCHINA DA GOL FINLANDESE CHE TRASCINA IL NORWICH

26.08.2019 | 12:30

La nuova stagione di Premier League è iniziata e, oltre alle solite e più note stelle del calcio internazionale, a brillare è anche uno “sconosciuto” dal nome Pukki. Una punta rapida, scattante, non altissima e abile nell’attacco della profondità. In questo avvio di campionato, con la maglia del Norwich, ha già gonfiato per 5 volte la rete in appena 3 incontri disputati: una al Liverpool, tre al Newcastle e infine una al Chelsea. Un biglietto da visita niente male e un impatto a dir poco devastante. Ma facciamo un passo indietro: Teemu Pukki nasce a Kotka, in Finlandia, il 29 marzo del 1990 e, dopo aver giocato per le strade della sua fredda città natale, nel 2006 entra a far parte del settore giovanile del KooTeePee. Dopo due sole annate, viene notato da alcuni osservatori del Siviglia che decidono di portarlo in Spagna. Il club andaluso lo inserisce prima nel suo vivaio e poi nella formazione B. Le sue prestazioni confermano le attese e arriva il tanto atteso esordio in prima squadra. Tuttavia, lo spazio a disposizione è piuttosto ridotto e così l’attaccante si trasferisce a titolo definitivo all’HJK Helsinki.

In Patria trova l’ambiente ideale ed esplode letteralmente diventando un’autentica macchina da gol: 13 marcature personali in 25 presenze nel massimo campionato finlandese. Numeri importanti che attirano le attenzioni di diverse squadre, tra queste a spuntarla è lo Schalke 04 che nel 2011 lo acquista. In Bundesliga fatica un tantino e in 37 incontri ufficiali mette a segno soltanto 8 reti. Nel 2013 Pukki decide di lasciare la Germania e di cambiare aria firmando con il Celtic Glasgow. In Scozia il rendimento non varia tantissimo e in una stagione firma 7 centri in 26 gare. A quel punto decide di cambiare nuovamente squadra e passa al Brøndby. In Danimarca plasma definitivamente il suo talento e il bottino parla chiaro: 55 realizzazioni in 130 apparizioni. Score che non può passare inosservato e il Norwich, appena retrocesso in Championship, lo acquista affidandogli le chiavi dell’attacco. Pukki risponde in maniera egregia e trascina i Canaries alla riconquista della massima serie con 29 gol e 10 assist in 43 match. Tornando al presente, Pukki ha dimostrato ampiamente di poter ben figurare anche in Premier League. I 5 sigilli finora collezionati lo portano in testa alla classifica marcatori, davanti ai più blasonati Aguero e Salah. Il Norwich, costruito per ottenere la salvezza, si gode il proprio centravanti e a questo punto ha tutto il diritto di poter sognare in grande.

Foto: Sun