Ultimo aggiornamento: martedi' 22 ottobre 2019 15:27

GAVETTA E FREDDEZZA SOTTO PORTA: LOREN MORON TRASCINA L’AMBIZIOSO BETIS

25.09.2019 | 12:20

La Liga continua a regalare gol ed emozioni, ma tra le migliori sorprese c’è senza alcun dubbio Loren Moron. Si tratta di un giovane attaccante un po’ sottovaluto in passato che oggi è in testa alla classifica cannonieri in Spagna, grazie anche alla doppietta messa a segno ieri nel match vinto contro il Levante per 3-1. Per ora sono 5 centri personali in altrettante partite disputate. Una partenza col botto che in pochi si aspettavano, ma Moron ci ha sempre creduto e questo è semplicemente il frutto del duro lavoro. Lorenzo Jesus Moron Garcia, meglio noto come Loren Moron, nasce a Marbella il 30 dicembre del 1993 e sin da subito inizia a giocare a calcio per le strade del proprio quartieri con i suoi amici. Giocando la passione diventa una vera ossessione, il piccolo talento comincia a coltivare il sogno di diventare un calciatore professionista. La svolta, però, avviene solo nel 2012, quando entra a far parte del settore giovanile dell’Union Estepona. Dopo un anno passa al Marbella, club della sua città natale, che lo mette nelle condizioni ideali per plasmare le sue indiscutibili qualità.

Nel 2015, dopo aver siglato 14 marcature in 21 incontri, viene notato da alcuni osservatori del Betis Siviglia che decidono immediatamente di acquistarlo. Moron viene subito inserito nella squadra B del sodalizio andaluso che milita in terza serie spagnola. La sua crescita è costante e l’impatto è dei migliori. Il classe 1993 è consapevole di avere a disposizione una grandissima occasione e la sfrutta pienamente. Le prestazioni sono più che confortanti e confermano le attese, ma a parlare sono i numeri: 43 sigilli in 93 gare ufficiali. A quel punto, nel gennaio del 2018, avviene la tanto agognata promozione in prima squadra. L’esordio con il Betis si materializza il 3 febbraio, nel match vinto contro il Villarreal per 2-1 grazie a una sua doppietta. Un debutto coi fiocchi che gli vale la riconferma anche nella stagione successiva (6 reti in 33 presenze). Questa, per il 25enne, è probabilmente l’annata giusta per esplodere definitivamente dopo tanta sana gavetta. L’inizio è stato impressionante e l’ambizioso Betis spera che il suo bomber possa trascinarlo nei piani alti della classifica.

Foto: Loren Moron