Rino Gattuso Foto twitter uff Milan

Gattuso: “Non porto rancore a Bakayoko. Parole Scaroni? Le carezze non mi piacciono”

Il tecnico del Milan, Gennaro Gattuso, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida di domani sera contro la Fiorentina: “Domani dobbiamo pensare a fare il nostro, abbiamo una partita molto difficile, non vinciamo a Firenze dal 2014, loro ci possono creare tanti pericoli. Domani c’è da fare una grande partita a livello mentale e fisico. Biglia? E’ convocato ma non è a disposizione, ma è giusto che stia a contatto con la squadra. Paquetà sta bene ma squalificato, Calhanoglu invece è a disposizione e sta bene. Sono tutte cose positive”.  La vittoria contro il Bologna ha portato il buon umore a Milanello: “Mi spiace che la vittoria col Bologna si passata in secondo piano, perché si è parlato più di Bakayoko che della nostra vittoria. Però ci siamo allenati bene e domani bisogna fare la stessa prestazione col Bologna, tenere botta e fare le cose fatte bene”. Su Piatek e il momento difficile in zona gol: “Non c’è nessun problema, forse ne ha fatti troppi prima. Ma la priorità è per la squadra, non importa chi segni”. Su Bakayoko e la possibilità di vederlo in campo: “Al primo posto c’è sempre il club e i risultati, non ho mai portato rancore con Bakayoko”. Sul quarto posto: “Dobbiamo pensare al nostro, non perdiamo energie guardando le altre squadre. Il rammarico più grande è pensare che eravamo in Champions fino a una settimana fa, ora invece dobbiamo rincorrere. Nei momenti in cui dovevamo dare un’accelerata non ci siamo fatti trovare pronti”. Infine sulle parole del presidente Scaroni: “Non ho bisogno di essere sempre accarezzato, le carezze non mi piacciono, sono fatto così. Spesso mi piace dove c’è aria tesa, mi sento a mio agio. Le carezze bisogna farle ai giocatori, poi quello che succederà a me passerà in secondo piano”.

Foto: Twitter ufficiale Milan

Archivio: News