Ultimo aggiornamento: venerdi' 18 giugno 2021 00:31

Gabbiadini: “Spero che Ranieri rimanga, con lui mi trovo alla grande. Europeo? Penso a chiudere bene il campionato con la Samp”

23.04.2021 | 11:03

Da quando Manolo Gabbiadini è tornato, la Sampdoria sembra aver cambiato passo. L’attaccante doriano si è raccontato in una intervista a Il Secolo XIX. Queste le sue dichiarazioni.

Sul segreto della rinascita: “La cosa che mi sta facendo meglio è giocare con continuità dopo i tanti mesi ai margini per l’infortunio. Ero preoccupato perché è stato uno dei più seri della mia carriera e qualche timore di non riuscire più a tornare c’era. Nelle prime apparizioni non stavo benissimo, adesso invece sta tornando la forma. “

Sull’Europeo: “Non ci penso. E una stagione in cui sono partito tardi e ora il mio pensiero è tornare un forma e fare bene con la Samp. La Nazionale deve essere una conseguenza ma la mia concentrazione è sul finire bene la stagione”.

Su Ranieri: “Non sono decisioni che spettano a me, io posso dire che con lui sto benissimo, in un anno e mezzo non posso lamentarmi di nulla, grande stima e rispetto come allenatore e come uomo. Sarà una decisione sua e della società, io spero rimanga ma solo il mister lo può sapere”.

Sulla discussione con Candreva per il rigore contro il Verona: “La stanno facendo passare tutti come una cosa strana ma non è così. Il rigorista è Fabio, poi quando non c’è lui l’anno scorso era Gaston e io. Quest’anno se non c’è Fabio o Gaston tocca a me o Candreva. Voglio dire, abbiamo delle gerarchie e siamo assolutamente d’accordo, poi che tra noi si possa parlare in campo ci sta, ma in quella circostanza garantisco che non abbiamo discusso e il fatto di aver battuto io non è stata una forzatura o un atto di presunzione. Non capisco perché tutto questo clamore, io e Antonio non abbiamo litigato. Capirei se la palla l’avesse presa per tirare Audero o un difensore centrale, ma l’ha presa Gabbiadini, che è un attaccante e ha segnato. Che problema c’è?

 

 

Foto: Twitter personale