Ultimo aggiornamento: martedi' 19 gennaio 2021 00:15

Fenucci: “Ritiro? La squadra fatica a trovare continuità. Bigon rinnova, su Destro e il mercato…”

10.04.2018 | 11:27

Claudio Fenucci, amministratore delegato del Bologna, ha parlato facendo il punto della situazione in casa rossoblu in vista del finale di stagione. Ecco le sue dichiarazioni: “La sconfitta a Crotone ci può stare, ma non nel modo in cui è arrivata. Il ritiro nasce dal fatto che domenica il Bologna è chiamato allo scoglio Hellas Verona. Nelle ultime stagioni la squadra perde mediamente 16 gare, per tale motivo abbiamo già esaurito le slot e vogliamo migliorare. La storia insegna che – afferma a Tv Rete 7 – molti club ottengono prima i 40 punti e poi pensano a divertirsi, quindi l’obiettivo minimo è la salvezza, ma arrivare decimi ci avrebbe fatto piacere anche se al momento è tortuoso raggiungere quell’obiettivo visto che questo è un gruppo che fatica a trovare continuità. Donadoni? All’inizio del percorso ci ha tirato fuori dai guai con la società che per garantire la permanenza in Serie A ha speso nel primo anno 50 milioni su 55 disponibili e fino a ora siamo in linea con le ambizioni dell’impresa. Mercato? Decidono Bigon e Di Vaio, poi io determino se l’investimento è compatibile con le nostre possibilità, c’è dialogo con l’allenatore, ma la collegialità non esiste. I soldi di un’eventuale cessione di un big, come potrebbe essere Simone Verdi, sarebbero poi impiegati nella campagna di rafforzamento, escluso il 20% che dovremo corrispondere al Milan. Tra giovedì e venerdì l’approdo di Saputo a Bologna sarà l’occasione per la firma sul rinnovo di contratto da parte di Riccardo Bigon. Destro è stato un investimento importante, costato 11,5 milioni di euro quando la Roma l’aveva pagato 16, e dobbiamo ancora depositare una tranche da 2,5 milioni di euro qualora Mattia raggiungesse i 30 gol in 3 stagioni o se verrà ceduto. Mattia era uno dei più grandi talenti d’Italia 4 anni fa, ma è stato tormentato da molto infortuni e probabilmente anche il modulo e le caratteristiche personali hanno inciso in negativo, ma non ci sono rapporti complicati fra lui e il mister. Stadio? Il prospetto è quello di ristrutturare il Dall’Ara, ma valutiamo ogni entità statica. Tassativi sono invece i due anni di tempo per la realizzazione di qualsiasi disegno”.

Foto: Bologna TV