Ultimo aggiornamento: giovedi' 14 november 2019 16:56

ESPLOSIVITA’ E TECNICA : EDSON ALVAREZ, L’EREDE DI DE LIGT PER L’AJAX

21.07.2019 | 09:30

Il suo nome nei mesi scorsi era stato accostato anche a quello dell’Inter, il suo immediato futuro non sarà però in Italia e nella Serie A, bensì in Olanda. Edson Alvarez, uno dei migliori talenti del calcio messicano, è un nuovo giocatore dell’Ajax. I Lancieri hanno infatti individuato nel 21enne difensore centrale uno dei rinforzi per il reparto arretrato orfano di quel Matthijs de Ligt che recentemente si è trasferito alla Juventus. A confermare il buon esito della trattativa con il Club America, è stato lo stesso club olandese attraverso un comunicato apparso sul proprio sito ufficiale.“L’Ajax ha raggiunto un accordo con il Club America per il trasferimento di Edson Omar Alvarez ad Amsterdam. L’operazione è soggetta al superamento delle visite mediche e al rispetto di una serie di altre condizioni.Il difensore centrale, che può agire anche come terzino destro e da centrocampista, firmerà un contatto per le prossime cinque stagioni, fino al 30 giugno 2024″. Nel fisico e nel carattere turbolento e rissoso ricorda un certo Marco Materazzi, mondiale nel 2006 a Berlino. A proposito di campioni del mondo, è stato paragonato al kaiser Franz Beckenbauer dallo storico e navigato mister Ricardo La Volpe. 193 cm e solo 72 kg di peso. Molto alto come Matrix e slanciato per staccare al meglio nel gioco aereo dove eccelle. E’ nato 21 anni fa nel centro del Messico, nella storica e deliziosa città dal nome difficile da pronunciare: Tlalnepantla de Baz. Nel campionato olandese ma non solo in questo torneo, farebbe davvero bene per la sua armatura muscolare. Simile ai corazzieri De Ligt e Virgil van Dijk. Sarebbe un gran colpo, un nome nuovo che farebbe comodo ai semifinalisti di Champions. Alvarez ha vinto in patria coppa e campionato nelle ultime due stagioni e con la nazionale ha vinto la Coppa Oro della Concacaf disputata negli Stati Uniti e battendo in finale a Chicago proprio gli USA 1-0 lo scorso 7 luglio 2019. Tra l’altro, con la Nazionale messicana, vanta già 28 presenze con un gol all’attivo.

Foto: Twitter Concaf