Chelsea+Juve

Esclusiva: Chelsea-Juve, riunione fiume. Tre nomi sul tavolo: Rugani, Higuain e Morata

Riunione fiume a Nizza nel pomeriggio tra Chelsea e Juve alla presenza di Fabio Paratici. Terminata diverse ore dopo la partenza di Sarri e della squadra, alle 16,30 il gruppo ha lasciato la Francia per rientrare a Londra. Ma la riunione di mercato è continuata, in atto un rapporto molto solido tra i due club. Dopo aver ingaggiato Jorginho, il Chelsea non vuole spendere oltre i 60 milioni per non incorrere in future sanzioni collegate al FPF. E per questo motivo c’è in atto un rapporto importante, di grande spessore, con la Juve giustificata dai recenti incontri blindatissimi (e mai confermati) anche a Milano. Il bilanciamento finanziario per i Blues è fondamentale e nei discorsi di oggi pomeriggio tra i due club è entrato anche Alvaro Morata. Proprio così. Morata piace al Milan, lui ci andrebbe anche, ma la Juve può inserirlo nella doppia operazione con il Chelsea che coinvolge Rugani e Higuain. E se tutto andrà a dama, vedremo cosa deciderà la Juve su Alvaro fresco papà di due gemelli: tenerlo o girarlo (al Milan). Ma sempre con il placet di Morata che ai bianconeri ha aperto da settimane. Nell’incontro di oggi la Juve ha chiesto 60 milioni di euro per Rugani, il Chelsea è fermo a 55 e si può chiudere a quella cifra. La Juve ha chiesto la recompra per il difensore. Higuain viene valutato circa 60 (bonus in più o in meno), a quel punto si sta studiando una tripla operazione: Rugaini e Higuain al Chelsea, Morata e soldi (55 milioni più o meno) alla Juve. Così i Blues resterebbero nei limiti per non incorrere in future sanzioni, poi cercherebbero di capire come muoversi per Courtois e David Luiz in uscita, tuttavia questo è un altro discorso. Sarri ha speso parole confortanti per Morata, ma Higuain per loro è un altro paio di maniche. È chiaro che, se andasse in porto questo dialogo, il Milan dovrebbe andare su un altro attaccante (Falcao un’idea, oppure Morata se la Juve decidesse di mandarlo a giocare, ma sempre con il suo placet). Nel frattempo la Juve ha fretta di definire il pre-agreement con il Chelsea considerato che il mercato inglese chiude tra meno di dieci giorni. Sarà una settimana bollente, anzi di più, per ora Caldara, Bonucci e Rugani possono continuare a lavorare serenamente negli States. Ma la tavola, attenzione, sta per essere apparecchiata.

Archivio: Altro