Dljx-0cXsAExy44

Effetti speciali a San Siro: il Cholito nell’ex regno del Cholo

Serata da brividi, con annessi effetti speciali, a San Siro. Giovanni Simeone sfida il passato, quell’Inter che una ventina di anni fa esultava per le prodezze del padre. Diego Pablo ha vissuto due stagioni intense, indimenticabili, in maglia nerazzurra, impreziosite dalla Coppa Uefa vinta a Parigi nel 1998. Il Cholo era entrato immediatamente nel cuore dei tifosi, imponendosi da vero leader, da trascinatore delle folle. Qualità in mezzo al campo, quantità, garra e gol. Tanti gol: ben 14 in 85 presenze con la Beneamata. Un’esperienza che è rimasta scolpita nella testa di Simeone, che non ha mai nascosto il desiderio di tornare all’Inter, da allenatore, in futuro. Nel frattempo, nello stadio che fu il regno del padre, Giovanni proverà a far valere le sue doti da killer d’area di rigore dopo uno splendido avvio di stagione. I precedenti, dal punto di vista personale, sorridono al Cholito: le partite contro le milanesi, lo scorso anno, non sono state molto fortunate per la Fiorentina (due sconfitte in trasferta e due pareggi in casa), ma il denominatore comune fu proprio Giovanni Simeone, in gol nelle sfide al Franchi e nell’ultima di campionato al Meazza contro il Milan. Domani, per il Cholito sarà una serata speciale anche per il duello a distanza con Mauro Icardi: stesso numero, stesso ruolo, stessa nazionalità. Simeone parte in pole grazie ai due gol più un assist realizzati in cinque partite; il bomber nerazzurro vive invece un insolito digiuno, quattro partite di campionato e nessuna rete (ma una strepitosa segnata in Champions). Tra Giovanni e Maurito c’è anche un’altra sfida aperta, quella per la maglia numero nove dell’Argentina, che cerca un padrone dopo il fallimento Mondiale. Ma intanto, luci a San Siro con tanto di effetti speciali: c’è il Cholito nell’ex regno del Cholo.

 

Foto: collage Twitter personale Giovanni Simeone + Marca

Archivio: Altro