Di Francesco e Inzaghi Foto Roma e Lazio Twitter

È tempo di Roma-Lazio: il 170° derby tra numeri e voglia di riscatto

Il weekend del calcio italiano sarà a dir poco spettacolare, ma oltre all’attesissimo big match valido per la corsa scudetto tra Juventus e Napoli, ci sarà anche il sentitissimo derby della Capitale. Roma e Lazio si sfideranno senza esclusione di colpi per 170esima volta, questo è infatti il numero totale delle stracittadine disputate fino ad oggi. Il bilancio complessivo, tra campionato e Coppa, è il seguente: 64 vittorie per i giallorossi, 45 per i biancocelesti e 61 pareggi. Al di là dei numeri, il derby resta sempre una “partita speciale”, proprio come spesso viene definita da calciatori e tecnici nei giorni antecedenti. In palio non ci sono soltanto i classici tre punti, ma la gloria e la supremazia cittadina. Dettagli non di poco conto che possono, come spesso accade, segnare il cammino di un’intera stagione, in un senso o nell’altro.

L’avvio di entrambe, quest’anno, non è stato affatto esaltante e la voglia di riscattarsi è tanta. Il derby, ovviamente, rappresenta l’occasione migliore, perfetta e ideale per un simile rilancio. La squadra di Eusebio Di Francesco ha iniziato con un successo in casa del Toro, poi ha rimediato due pareggi con Atalanta e Chievo, due sconfitte contro Milan a San Siro e Bologna al Dall’Ara (senza dimenticare il pesante 3-0 del Bernabeu contro il Real Madrid in Champions League) e infine questo mercoledì è riuscita a rialzare la testa battendo sontuosamente il Frosinone con un netto 4-0. La formazione di Simone Inzaghi, smaltita la delusione per la mancata qualificazione in Champions, è partita piuttosto male incassando due ko nelle prime due giornate contro, però, Napoli e Juventus. Dal terzo turno (1-0 proprio al Frosinone) in poi, sono arrivate soltanto vittorie con Empoli, Apollon Limassol in Europa League, Genoa e Udinese. La classifica, attualmente, vede la Lazio occupare il quarto posto a quota 12, mentre la Roma è in decima posizione con 8 punti. Qualsiasi tipo di pronostico, in questo caso, non avrebbe alcuna rilevanza.

Il derby della Capitale significa anche passione, orgoglio e amore verso i propri colori. In campo, sia da una parte che dall’altra, non ci saranno più gli eroi del recente passato come Totti, Delvecchio, Montella, Amantino ManciniNesta, Di CanioRocchi e Klose, ma i fari saranno puntati principalmente sulle stelle del momento: da Florenzi a De Rossi, passando per Milinkovic-Savic e Immobile. Non sarà più il vecchio calcio un po’ vintage, però il talento e la qualità non mancano assolutamente. La settima giornata di Serie A, a dir poco scoppiettante, si appresta ad aprire i battenti con uno dei derby più accesi e sentiti al mondo. Non resta che attendere soltanto poche ore. A partire dalle 15:00 di domani l’Olimpico si trasformerà in una vera e propria Arena.

Foto: Roma e Lazio Twitter

Archivio: Altro