Ultimo aggiornamento: martedi' 21 gennaio 2020 21:59

Donadoni: “Futuro? Sto valutando, prenderò la decisione più consona all’entusiasmo che posso portare. Sul Bologna e Verdi…”

04.06.2018 | 10:49

Roberto Donadoni, ex tecnico del Bologna e della Nazionale, è stato intervistato dai microfoni di Radio Rai Uno e ha parlato della fine della sua esperienza nella città felsinea, dell’esplosione di Simone Verdi e del suo futuro: “Simone Verdi? Può fare tutti i ruoli d’attacco perché ha grande qualità tecnica e capacità fisica. Quando mette insieme le caratteristiche che ha, è difficile da contrastare. E’ cresciuto molto anche in personalità. A gennaio ha scelto di restare al Bologna perché voleva finire un processo di crescita dove ha avuto successo. Stasera è un bel provino: non deve aver la foga di dimostrare niente, deve andare in campo e giocare come sa. Il mio futuro? Non so onestamente. La mia avventura al Bologna è terminato, quindi adesso valuto le cose con calma e serenità. Guardiamo come si muove il mercato e poi prenderò la decisione più consona all’entusiasmo che posso portare in quella o l’altra esperienza. Perché è finita col Bologna? Hanno ritenuto che il lavoro fatto non sia stato soddisfacente. Quello che mi era stato chiesto, io ho cercato di portarlo a termine, e credo che tutto sommato abbiamo fatto un buon lavoro anche se potevamo ovviamente fare qualcosa di meglio. Diversi giocatori, come Verdi, sono cresciuti e diventati protagonisti nel nostro calcio. Poi è chiaro che bisogna avere voglia di investire e inserire giocatori di spessore superiore. Mi auguro che il futuro possa garantire soddisfazioni più grandi rispetto al recente passato. Prima di Saputo la realtà bolognese era in grande difficoltà, siamo usciti insieme da questa situazione, ora mi auguro che possano portare il club ai successi che merita la città e i tifosi. Io credo che ormai i nostri tempi siano diversi rispetto al passato e che sia difficile correggere ciò che abbiamo fatto. Possiamo però intervenire nei nostri giovani, i giovani italiani, perché in Italia abbiamo grandi margini. Io ho allenato tanti giocatori stranieri e non ho incontrato mostri di bravura. Quello che dobbiamo fare è dare in mano i nostri giovani a professionisti che abbiano l’ambizione di farli crescere. La parte ludica nella crescita dei ragazzi è fondamentale. Io sono cresciuto all’Atalanta e penso che stiano confermando proprio questa filosofia. L’Atalanta spende grandi cifre per ottenere i risultati che hanno col settore giovanile, cifre molto più alte rispetto anche alle big. La favorita per il Mondiale? Non è una domanda che mi pongo, ma direi Brasile perché mi piace vedere giocare a calcio in un certo modo, anche se in queste competizioni, anche i dettagli fanno la differenza. Voglio godermelo a pieno. Quando sono arrivato sulla panchina dell’Italia non ho pensato ai risultati che avrei dovuto conseguire, perché avrei dovuto vincere il campionato interstellare. Serve avere stimoli per andare avanti, portando idee e concetti diversi in vista del futuro. Purtroppo oggi si valuta sempre solo i risultati, ma credo che serva un piccolo sforzo per modificare il nostro modo di essere in questo senso“.

Foto: Bologna Twitter