Ultimo aggiornamento: lunedi' 01 marzo 2021 21:05

DIONISI DUE, LA RINASCITA

06.02.2021 | 12:40

Federico Dionisi nasce a Rieti il 16 giugno 1987, è un attaccante italiano in forza all’Ascoli.
Inizia la sua carriera nella Polisportiva di Cantalice, dal 2001 al 2003 gioca nelle giovanili della Monterotondo con cui fa il salto coi pro nella stagione 2003-2004, nell’estate dello stesso anno viene acquistato dal Messina, che lo lascia un’altra stagione a Monterotondo. L’anno seguente approda in Serie A col club siciliano, senza però trovare spazio in prima squadra, dovuto alla presenza di attaccanti come Nicola Amoruso, Arturo Di Napoli e Riccardo Zampagna: zero presenze in A ma un eccellente annata con la Primavera per Dionisi.
Nella stagione successiva passa alla Cisco Roma in C2, col club laziale registra 10 presenze e nessun gol, nel gennaio 2007 va al Celano, sempre in C2, dove colleziona 74 presenze con 27 reti realizzate. Nel gennaio del 2009 viene notato e acquistato dal Livorno concludendo comunque la stagione nella squadra abruzzese in prestito.
Arriva finalmente il debutto in Serie A con la maglia amaranto del Livorno alla prima giornata di campionato sostituendo Francesco Tavano, in tutto saranno solo 3 le presenze in Serie A e 2 quelle in Coppa Italia con un gol segnato al Torino.
Il 20 gennaio 2010 viene ceduto in prestito alla Salernitana, le cose in Campania gli vanno bene e a fine campionato totalizzerà 18 presenze e 10 reti. Nella stagione 2010-2011 torna a Livorno e chiude la stagione con 10 gol in 38 partite. Nel 2011-12 a causa di un brutto infortunio non gioca per un lungo periodo di tempo. Il 2 giugno 2013 conquista la Serie A ai play-off con il Livorno.
Nel settembre 2013 vola in Portogallo, in prestito all’Olhanense, club che milita in Primeira Liga . L’esperienza portoghese non è da ricordare, si chiude con la retrocessione dell’Olhanense e Dionisi sigla 8 reti in 24 presenze. Il 28 luglio 2014 diventa un nuovo giocatore del Frosinone, nella Serie B 2014-2015 è il capocannoniere della squadra e uno dei maggiori protagonisti della prima storica promozione in Serie A del club ciociaro; il 31 maggio 2015 diventa cittadino onorario di Frosinone insieme al resto della squadra. Segna anche i primi due gol in Serie A il 28 settembre 2015 contro l’Empoli.
Nell’agosto 2018 subisce la rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro, che lo costringe ad uno stop forzato di almeno sei mesi.

Il 24 gennaio 2021 viene acquistato dall’Ascoli: ieri, all’esordio, ha messo a segno una doppietta nella vittoriosa trasferta contro il Lecce (1-2). Parliamo di una seconda punta dal gran fisico, Dionisi è bravo con entrambi i piedi e possiede una buona velocità in progressione. In caso di necessità può giocare anche come ala. E’ un ottimo rigorista, dagli undici metri è andato a segno ben 24 volte su 28 in carriera. Dionisi si può definire un veterano per la sua grande esperienza, è quel tipo di giocatore che mancava all’Ascoli di Sottil per ottenere la salvezza il prima possibile. Dopo un complicato inizio di stagione i bianconeri sembrano trasformati da quando c’è stato il cambio in panchina. Dionisi ha giocato in tutte le categorie, ha subito due gravi infortuni e ha fatto tanta gavetta: a 33 anni ha ancora la possibilità di scrivere una bella pagina della sua carriera ad Ascoli.

 

Foto: sito Ascoli