Ultimo aggiornamento: sabato 19 ottobre 2019 00:33

Di Biagio: “Non sarò più l’allenatore dell’Under 21”

25.06.2019 | 11:09

“Siamo fuori dall’Europeo perché è mancato qualcosa contro la Polonia. La colpa è unicamente nostra e non c’è rimedio. A questo punto possono vincerle tutte, mi sbilancio e dico una tra Spagna e Germania, Chi al mio posto? Non saprei, deve essere un allenatore che conosce sia i nostri giovani che il lavoro fatto in questi anni. Con alcuni giocatori ho legato di più e mi hanno ringraziato perché grazie all’Under 21 hanno avuto modo di giocare in grandi squadre”.

“Se una squadra gioca bene ma non vince sta a me trasmettere qualcosa in più. Loro devono migliorare, ma sono io a dovermi mettere in discussione, perché loro si applicano molto bene. Spero che i giovani possano avere più spazio, e non è una critica ma una richiesta per il bene del nostro calcio”.

Kean-Zaniolo? Mi sono preso un rischio, ho anche avvertito Mancini e Gravina, perché questi ragazzi vanno seguiti. Ma la cosa è finita subito perché hanno chiesto subito scusa”.

Avrei lasciato anche se avessimo vinto, non ero più stimolato. Mi sarei tenuto una porta aperta per le Olimpiadi. In questi anni ho capito che non importa se vinci, ma come vinci. Abbiamo proposto un ottimo calcio, c’è stato un cambio di mentalità rispetto al passato. Di questi sei anni ricordo la vittoria in Belgio nel 2011 e la semifinale con la Spagna. Non bisogna dimenticare quanto siamo cresciuti. La partita con la Polonia resta un’amarezza”.

“Cosa farò ora? Sono libero, mi hanno cercato club di Serie A e Serie B ma ho sempre rifiutato per rispetto della Federazione. Ora sono pronto per nuove sfide”.

“Abbiamo fatto un grande lavoro con le Under, qualcuno dimentica che abbiamo dato anche giocatori all’Under 20 per il Mondiale. Abbiamo 40-50 giocatori che girano tra le varie Nazionali minori. Riporterei i giocatori nel giro della Nazionale maggiore, anche Kean e Zaniolo mi hanno dato qualcosa, magari meno degli altri 4 ma non posso rimproverarli. Cosa è mancato? Il primo Europeo è stato un miracolo, non era facile qualificarsi davanti a Belgio e Serbia. Nel secondo abbiamo perso in semifinale contro la Spagna che è la più forte. Si tratta di fallimento se fai 0 punti e nessuno gioca in Nazionale Maggiore”.

Nel corso di una conferenza stampa, Luigi Di Biagio ha confermato che il suo mandato da tecnico dell’Under 21 è terminato. “Voglio ringraziare tutti, dai dirigenti a Maurizio Visconti. Non sarò più l’allenatore dell’Under 21. Abbiamo fatto un ottimo lavoro e tanti ragazzi sono andati in Nazionale. Ma i risultati non sono positivi, bisogna separarli da quanto successo in questo Europeo. La colpa è nostra, non ci sono alibi, io sono il principale responsabile, e i ragazzi con me”.

Foto Twitter FIGC