Ultimo aggiornamento: mercoledi' 22 gennaio 2020 11:57

D’Aversa: “Contro il Lecce per capire i nostri obiettivi, Kurtic ha delle potenzialità enormi”

12.01.2020 | 16:05

L’allenatore del Parma, Roberto D’Aversa, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match di campionato contro il Lecce: “La situazione è un po’ simile alla settimana scorsa. C’è Inglese che ha lavorato di più rispetto a Cornelius sotto il punto di vista fisico e quindi è più pronto. Sotto l’aspetto medico va meglio, dipende molto dai fastidi. La scelta la faremo domani in base anche alle condizioni di entrambi“.

Lecce

“Nel Lecce rivedo un po’ il nostro percorso. Una società, un allenatore che hanno lavorato tanto in questi anni molto bene, facendo il doppio salto, e anche nel campionato di quest’anno rivedo un po’ il nostro Parma dell’anno scorso. Vedendo la loro classifica, manca una vittoria in casa ma noi dobbiamo pensare che domani non sarà semplice perché i punti maggiormente li ha fatti in trasferta e quindi è una squadra che si esprime meglio fuori”.

Sulla partita

“La partita di domani è molto importante: l’ho paragonata a quella con la SPAL dell’anno scorso, anche se è un po’ in anticipo rispetto a quel periodo. Il risultato può portare ad affrontare il resto del campionato in maniera diversa. Sono quelle partite che nell’arco di un anno possono condizionare un’intera stagione. Vincere per due motivi: primo perché ci avvicineremmo al nostro obiettivo, la salvezza, secondo per dimenticare la sconfitta pesante da cui arriviamo, dove è come se fossimo andati in campo già sconfitti. Quello che dobbiamo fare domani è cercare di portare a casa un risultato pieno, non sarà semplice, ma faremo di tutto per vincere la partita perché è importante per il raggiungimento del nostro obiettivo e in questo momento è uno scontro salvezza”.

Kurtic

“Le qualità del giocatore le conosciamo tutti. Ho parlato con lui per dirgli che oltre ad avere bisogno delle sue qualità tecniche, ho bisogno della sua personalità, perché credo che un giocatore come lui a 31 anni poteva fare molto di più. Quello che mi auguro è di portarlo a fare la miglior stagione della carriera, perché ha potenzialità enormi”.

Foto: sito Parma