Ultimo aggiornamento: martedi' 21 gennaio 2020 20:48

Ct Argentina: “Dybala superiore alla media, seguo Icardi. Higuain mi aveva chiesto…”

18.09.2016 | 11:38

Il commissario tecnico dell’Argentina, Edgardo Bauza, ha rilasciato un’ampia intervista a La Gazzetta dello Sport, ecco i passaggi più significativi: “Higuain costato 90 milioni? Vuol dire che vale quel prezzo, nulla da dire. La scorsa stagione al Napoli ha fatto un qualcosa di straordinario. Adesso si sta ambientando in un nuovo club, ma sono sicuro che darà grandi frutti alla Juventus. Per me, e parlo da ct, è un grande attaccante. Nelle partite di settembre mi ha chiesto di non essere convocato perché voleva recuperare la forma migliore e io ho rispettato la sua volontà. Ora torna in Nazionale per giocare con Perù e Paraguay.  Dybala? E’ un giocatore esplosivo. Un giocatore differente, superiore alla media. Rapidissimo negli ultimi 20 metri del campo e con grandi capacità di trovare la porta. Negli ultimi due anni è migliorato costantemente. Riesce ad imporsi nonostante un fisico non bestiale. Si poteva pensare che un tipo che pesa poco più di 60 chili avrebbe avuto difficoltà a giocare in Italia, invece no, trova sempre la giocata, il modo per rompere l’equilibrio. E’ un giovane che può migliorare ancora molto, nonostante sia già alla Juve e in Nazionale. Se troverà spazio con l’Argentina? Sì, nessun dubbio. Icardi? È uno dei giocatori che siamo seguendo, rientra in un gruppo ampio di 60 giocatori. La mia fortuna, e la sfortuna di Mauro, è che in quella posizione ho già 4-5 uomini di grande livello. Ha il gol facile e pur essendo ancora giovane e già capitano dell’Inter, a conferma della sua grande personalità. In qualsiasi momento potrà esser chiamato in Nazionale. La sua vita fuori dal campo? Ognuno di noi ha i suoi problemi. A me interessa soltanto l’aspetto sportivo, ovvero il rendimento di Icardi con l’Inter. Sarà giudicato solo per questo e per nient’altro. Messi? Con lui è tutto più facile, in campo e fuori. Quando mi è stata assegnata la Nazionale sono andato a parlare con lui, è davvero un piacere parlare di calcio con Leo. Ne sa tantissimo. Ora come noi è concentrato solo sul prossimo obiettivo: ottenere la qualificazione al Mondiale, la gente in Argentina lo ama, il resto sono stupidaggini”.

Foto: Revistaca