Ultimo aggiornamento: giovedi' 27 giugno 2019 00:20

CORSA, TECNICA E UN SINISTRO ESPLOSIVO: ECCO BEGHETTO, PROMOSSO SPOSO DEL GENOA

30.12.2016 | 09:30

Andrea Beghetto è a un passo dal grande salto in carriera. L’esterno sinistro classe 1994, che sta ben figurando in Serie B con la maglia della Spal in questa prima parte di stagione, è sempre più vicino al Genoa. Nel match di ieri contro il Bari, anticipo della 21ª giornata del campionato cadetto, il laterale 22enne è rimasto per tutti i 90 minuti seduto sulla panchina del “San Nicola”, a conferma dell’imminente svolta genovese, sponda rossoblu (le visite mediche sono alle porte), che vi abbiamo anticipato tre giorni fa.

Andrea Beghetto nasce l’11 ottobre 1994 a Perugia, ma le sue radici sono a Tombolo, in provincia di Padova. Fin da bambino, scopre una grande passione per il calcio, soprattutto grazie a suo padre, Massimo, ex giocatore di Chievo, Perugia, Vicenza e Dundee. Il giovane Andrea, però, cresce calcisticamente nel settore giovanile del Montebelluna, per passare subito dopo, nell’estate del 2011, tra le fila del Padova. Dopo una breve parentesi in prestito in Romagna al Bellaria, fa ritorno al club veneto ma si ritrova ben presto senza squadra a causa della mancata iscrizione del Padova in Lega Pro. Nonostante qualche proposta dalla terza serie, nell’estate 2014 decide di accasarsi all’Este, squadra semi-professionistica militante in D. Il campionato 2014-15 in serie D coincide con la definitiva esplosione del ragazzo, come confermano le cifre inusuali se si parla di un giocatore utilizzato soprattutto come terzino sinistro: 12 gol (di cui 6 su rigore) in 36 partite. Numeri da ala offensiva, non certo da terzino. La grande stagione con la maglia dell’Este gli vale il salto di categoria alla Spal in Lega Pro, nell’estate del 2015. Con i colori del club di Ferrara vince immediatamente il campionato, giocando un po’ da terzino sinistro, un po’ da esterno di centrocampo a tutta fascia, contribuendo in maniera decisiva alla promozione in Serie B della società biancazzurra. Ma è la stagione corrente che segna la definitiva consacrazione di Beghetto: il classe 1994 riesce a ritagliarsi un ruolo da titolare nell’undici di mister Semplici, collezionando finora 14 presenze stagionali, impreziosite da 1 gol e ben 7 assist, quasi tutti arrivati da cross al bacio provenienti dall’out mancino. Esterno sinistro di centrocampo, tornante perfetto per il 3-5-2, ma anche laterale a tutta fascia ideale per il 3-4-3 di Ivan Juric, ormai futuro allenatore di Beghetto. Una delle sue doti migliori è senza dubbio l’estrema versatilità e duttilità nel ricoprire tutti i ruoli della corsia mancina. Senza dimenticare il sinistro preciso ed esplosivo con la quale riesce a calciare angoli, punizioni e rigori. Dopo anni di gavetta, ora Andrea è pronto al grande salto: in attesa dei passaggi formali, che non dovrebbero tardare ad arrivare, Juric e il Genoa potranno contare su un’alternativa importante in più nella corsia mancina. La personalità, la corsa e la tecnica di Beghetto potrebbero rivelarsi molto utili per il club ligure nella seconda metà della stagione. Il suo futuro sarà quasi certamente pieno di soddisfazioni, le premesse ci sono tutte.

Foto: Twitter Spal