Ultimo aggiornamento: sabato 11 luglio 2020 20:30

Coronavirus, l’UEFA cambia il Fair Play Finanziario: ecco le novità

18.06.2020 | 15:15

Tramite un comunicato ufficiale sul proprio sito, il Comitato Esecutivo UEFA ha annunciato alcune modifiche al Fair Play Finanziario a causa della crisi post-Covid-19. Le maggiori modifiche riguardano:

“Debiti scaduti – valido per la stagione 2020/21

  • tutte le società che partecipano alle competizioni UEFA devono dimostrare entro il 31 luglio (invece del 30 giugno) e il 30 settembre di non avere debiti scaduti per trasferimenti, dipendenti ed enti socio-fiscali legati a pagamenti da liquidare rispettivamente al 30 giugno e al 30 settembre;
  • tutti i club che partecipano alle competizioni UEFA devono comunicare le informazioni relative ai movimenti per i trasferimenti al 30 giugno e al 30 settembre, in modo da consentire la verifica incrociata tra le informazioni e i debiti di altri club.

Regola di pareggio di bilancio – valido per la stagione 2020/21 e 2021/22

  • la valutazione dell’esercizio 2020 è rinviata di una stagione e sarà valutata insieme all’esercizio finanziario 2021;
  • il periodo di monitoraggio 2020/2021 è ridotto e copre solo due periodi di rendicontazione (esercizi finanziari che terminano nel 2018 e nel 2019);
  • il periodo di monitoraggio 2021/2022 è esteso e copre quattro periodi di rendicontazione (esercizi finanziari che terminano nel 2018-2019-2020 e 2021).
  • gli esercizi finanziari 2020 e 2021 sono valutati come un unico periodo;
  • l’impatto negativo della pandemia viene neutralizzato facendo la media del deficit combinato del 2020 e del 2021, nonché consentendo ulteriori aggiustamenti specifici legati al COVID-19.”

 

 

 

Foto: sito ufficiale UEFA