Ultimo aggiornamento: martedi' 25 febbraio 2020 23:05

Corini: “Milan in salute con l’arrivo di Ibra, dovremo giocare con cattiveria. Skrabb ha bisogno di tempo”

23.01.2020 | 13:22

Eugenio Corini, allenatore del Brescia, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della gara con il Milan: “La squadra ha dimostrato la cattiveria giusta anche domenica, purtroppo non siamo riusciti a vincerla. Affrontiamo una squadra in salute, ha trovato un gran calciatore. Dobbiamo continuare il nostro percorso per cercare di fare risultato”.

La squadra è stata più incisiva?
“Questa è sempre stata una nostra idea di calcio, ho messo dentro due centrocampisti perché sapevo che mi avrebbero garantito solo un’ora di gioco. Hanno portato tanta personalità. La squadra stava facendo un’ottima partita, purtroppo non siamo riusciti a gestirla”.

Come si prepara la partita con Ibrahimovic in campo?
“Ha dimostrato il suo valore straordinario. Su un paio di situazioni di gioco abbiamo lavorato per trarne vantaggio. Siccome è un giocatore di livello può essere incontenibile. A prescindere da lui dobbiamo considerare anche ciò che crea intorno a sé”.

Che Milan si aspetta?
“Ci aspettiamo due sistemi di gioco e anche la scelta sul giocatore ci farà capire come Pioli vorrà approcciare il match. È una squadra molto aggressiva, quando arrivano sugli esterni spingono molto. Hernandez è un gran finalizzatore, hanno interpreti di valore”.

La squadra a tre dietro ha trovato compattezza?
“Anche nel mio primo percorso siamo partiti con il 3-5-2, è una soluzione tattica importante e tengo aperta la possibilità di schierarlo. Con qualche centrocampista in più posso alzare la qualità, dipenderà dalla mia lettura in base alla partita”.

Giua sarà quarto uomo domani. È una coincidenza?
“Noi dobbiamo passare oltre, è capire quale interpretazione dà l’arbitro. Noi cercheremo di fare ciò, quando lavoriamo non sanziono un fallo appositamente per far sì che la squadra sia reattiva. Io accetto il fallo visto o non visto, mi interessa capire come gestirà il direttore di gara”.

I numeri in difesa?
“La qualità complessiva delle squadre può venire fuori. Anche quando siamo stati in vantaggio non siamo riusciti a chiuderla, domenica la squadra ha reagito ed è stato importante”.

Come stanno i nuovi arrivati?
“Bjarnason è un’opzione e lo avete già visto in campo. Su Skrabb ci stiamo lavorando, è da tanto che non gioca una partita ufficiale”.

Dessena è il più pronto.
“Lo abbiamo fatto trovare pronto (ride, ndr). Ritroviamo un giocatore importante sotto tutti i punti di vista, anche lui potrebbe partire dal primo minuto domani sera”.

Torregrossa?
“Già a Genova aveva i parametri giusti. Il ragazzo era un po’ giù di morale, l’ho sempre invitato a spingere. Ha fatto una partita importante, ci ha dato i tempi giusti. Ha maturato l’idea di giocare in serie A, quando sei un esordiente paghi qualcosa”.

Il mercato?
“Penso che dà questo punto di vista ci sia chiarezza con il presidente. La concentrazione è sulla partita, se riusciremo a prendere giocatori che miglioreranno la rosa andrà bene così”.

Ha già scelto la formazione?
“Domani mattina proverò le palle inattive, poi sceglierò gli undici da mandare in campo”.

Foto: Brescia Twitter