Ultimo aggiornamento: lunedi' 16 dicembre 2019 00:30

Coman: “Al Bayern sto bene, voglio rimanere qui a lungo. Infortuni? Mi hanno aiutato a crescere”

02.12.2019 | 18:46

Coman

Una meteora alla Juventus che è riuscita a consacrarsi in Germania. Kingsley Coman gioca dall’estate del 2015 nel Bayern Monaco: protagonista di 18 presenze, 3 gol e 5 assist in stagione, il francese ha lasciato una lunga intervista ai canali ufficiali del club bavarese.

Le origini 

“Sono nato a Parigi, ma tutta la mia famiglia è del Guadalupe. Sono cresciuto nella periferia di Parigi, dove la vita non è sempre facile. Nonostante la mia eredità caraibica, ho sempre sentito il francese, ma vivo all’estero da cinque anni, parlo inglese ogni giorno con la mia ragazza, parlo tedesco con i miei compagni di squadra. Mi piace l’intero mix. Penso che sia bello poter combinare più culture e provare a prendere i pezzi migliori di ogni mondo. La diversità non può che giovarti. ”

Bayern Monaco 

“Gioco al Bayern da cinque anni e mezzo. Ho solo 23 anni, quindi ho circa altri 10 anni al più alto livello davanti a me. È troppo presto per prevedere il mio intero percorso di carriera. Certo, posso immaginarmi di rimanere qui 12 anni come Ribery, e poi sarei ancora giovane e avrei abbastanza tempo per scoprire due o tre nuovi paesi. Sono sicuro che starò ancora a lungo al Bayern. La città è fantastica, il club è molto bello, stiamo vincendo trofei. Ci manca solo la Champions League. A parte il tempo, non cambierei nulla”.

Infortuni

“Ho fatto due operazioni nello stesso posto ed entrambe le volte non ho potuto fare nulla per otto settimane. Ho iniziato a interessarmi di più alla cucina, alla moda, un po ‘di tutto. Ma mi mancava il calcio. Ora, quando sono stanco o un po ‘stressato, ripenso a quel momento e realizzo rapidamente che è sempre meglio essere stanchi ma essere ancora sani”.