Cassano arrivo Entella Twitter

Cassano: “Vorrei rimanere nel calcio. Non sono snob, ma nel ’99 Icardi avrebbe giocato nell’Inter?”

Intervistato ai microfoni de Il Secolo XIX, l’ex attaccante Antonio Cassano ha parlato del suo futuro e dell’epoca in cui è diventato calciatore: “Mi piacerebbe restare nel calcio, sì. E mi piacerebbe farlo in prima linea, area tecnica, osservatore, come direttore sportivo. Due esempi in Italia per me sono Ausilio dell‘Inter che è un top club e Rossi del Sassuolo che è un club all’avanguardia… Non l’ho mai fatto, non posso sapere se sono bravo o no. Ma mi piacerebbe contribuire a costruire un progetto, seguendo l’istinto del mio calcio. Che, per capirci, è quello che va dal 1999 a sette, otto anni fa. Nel 1999 ad esempio, quando io ho esordito tra i professionisti, nella Reggina che lottava per salvarsi c’era gente come Pirlo, Cozza e Baronio. Che cosa è cambiato da allora? C’è un periodo per tutto. A quei tempi il calcio italiano era fatto di tanti numeri 10, Baggio, Totti, Del Piero, io, e tanti bravi difensori. Nel 2006 abbiamo vinto un Mondiale giocando con palla lunga su Toni. Adesso impera il guardiolismo, ma di Guardiola ce n’è uno nel mondo. E nel calcio italiano poca qualità adatta a quella filosofia. Quando dico che il livello della A è modesto non voglio essere snob, è un mio pensiero parametrato ai miei tempi. Se Icardi fosse stato all’Inter si sarebbe trovato davanti Ronaldo e Vieri, avrebbe giocato?”.

Foto: Twitter Entella

Archivio: Altro