Ultimo aggiornamento: venerdi' 05 giugno 2020 00:35

CAMAVINGA, UN “FENOMENO DI PRECOCITA'” CHE HA ANNIENTATO PSG E LIONE

16.12.2019 | 16:05

Ha festeggiato i 17 anni di età un mese fa, esattamente il 10 novembre, ma in Francia non si compie un azzardo se lo si considera già un predestinato. E non a caso anche le big europee lo osservano con attenzione. Eduardo Camavinga è un centrocampista del Rennes e con i bretoni sta mostrando al mondo tutte le sue qualità. I rossoneri, nonostante un cammino maldestro in Europa League (eliminati ai gironi come ultimi, ma comunque capaci di battere la Lazio lo scorso giovedì), volano in Ligue1 dove attualmente occupano la quarta posizione. L’ultima impresa ieri, in casa del Lione: vittoria per 1 a 0 arrivata al minuto 89. Il gol? Di Eduardo Camavinga.

Nato a Cabinda (Angola) nel 2002, e con cittadinanza francese, Camavinga ha conosciuto il calcio grazie al Rennes. Il club d’oltralpe ne ha seguito la crescita sin dalle giovanili, facendolo poi esordire in prima squadra il 6 aprile 2019 (Angers-Rennes 3-3). Un solo minuto in campo è stato sufficiente per rompere il ghiaccio, poi la lenta, ma costante salita. Un mese dopo, contro il Tolosa, gioca la prima partita in Ligue1 per gli interi 90 minuti. La definitiva consacrazione arriva con la nuova stagione, niente di meno che contro i campioni in carica del PSG: Camavinga gioca titolare e confeziona un assist nello storico 2 a 1 con cui i rossoneri battono i parigini. Eletto “Man of the match“della partita, Eduardo fa della semplicità e della sicurezza nelle giocate le sue armi di forza.

Il giovane diciassettenne è ormai un baluardo della mediana del Rennes. Clement Grenier, giocatore da un passato importante con Lione e Roma, si deve spesso accomodare in panchina perché il titolare per mister Stephan è Camavinga. 182 cm per 78 kg, un profilo gracilino, ma letale: conduce il pallone soprattutto con il sinistro, il suo piede migliore, alterna appoggi brevi a sventagliate più ampie, ma non disdegna la progressione in solitaria. Non è un caso che il gol vittoria contro il Lione sia arrivato proprio da una sua serpentina velenosa, conclusa con un destro a fil di palo. L’Equipé lo ha definito un “fenomeno di precocità“, per Landry Chauvin, capo del settore giovanile del Rennes, Camavinga “respira calcio, ed è destinato a ripetere la stessa traiettoria di Ousmane Dembélé“. Già vincitore di una Coppa di Francia con il Rennes e convocato dall’U21 francese, Eduardo Camavinga ha un contratto in scadenza nel 2022 e un valore di mercato che si aggira sui 40 milioni. Il Rennes se lo tiene stretto, ma c’è già chi bussa alla porta per uno dei talenti più freschi attualmente in giro sui campi della Serie A francese.

Foto: Twitter Rennes