Ultimo aggiornamento: mercoledi' 01 aprile 2020 21:43

Cairo: “Serie A? Aspettiamo, ma ripresa a porte chiuse. Taglio stipendi inevitabile, chiederemo al Governo di aiutarci”

22.03.2020 | 14:35

Urbano Cairo, presidente del Torino, ha rilasciato una lunga intervista in merito all’attuale situazione in Italia a La Stampa: “Ci sta che la politica abbia sbagliato qualche mossa all’inizio, ma dopo la guerra questa è l’emergenza più dura da combattere. Se era così difficile bloccare tutto subito? No, ma sono subentrati gli egoismi dei Paesi. Che allora, si sentivano immuni dal contagio e vedevano in difficoltà solo l’Italia. L’Uefa ha cercato di preservare coppe ed Europei con motivazioni sportive e soprattutto economiche, poi si è dovuta arrendere quando si sono resi conto che il virus non era solo un’emergenza italiana. Anzi, il resto del mondo si è adeguato a noi. Questa emergenza ci ha compattato, c’è più unità di prima. Molti falchi sono diventate colombe anche se è rimasto qualcuno che vuole fare il fenomeno, che rompe il fronte per avere vantaggi. Furbizie, atteggiamenti di piccolo cabotaggio. Non è il momento. De Laurentiis e Lotito parlano di ripresa degli allenamenti: perché? Lo chieda a loro. Solo, mi sembra una follia sostenere una tesi sulla base dei dati del contagio. Dire ‘la mia regione non ha problemi’ con una situazione così in evoluzione è una frase infelice. Poi esplode il virus a Fondi e allora… Immagino per interessi sportivi. Forse per avvantaggiarsi nella preparazione. Terminerà questo campionato? Inutile avventurarsi in previsioni, davanti a una pandemia noi non possiamo che navigare a vista. Fissare un inizio o una fine ora è senza senso, ma nel caso riprendessimo l’ipotesi porte chiuse è la più probabile. Il taglio degli stipendi ai calciatori sarà inevitabile. Siamo di fronte a un problema di sistema che rischia di implodere senza accorgimenti importanti. Credo che i calciatori siano i primi a non volerlo, sono ragazzi che hanno testa. Qui bisogna limitare i danni, poi si penserà alla ricostruzione economica. Del calcio come di tutti gli altri settori. Al Governo chiederemo di aiutarci. Direttamente o indirettamente. Altrimenti molte società di calcio rischieranno il fallimento. Come? Con agevolazioni fiscali, con norme più agili per la costruzione di nuovi impianti. E con il possibile cambio della legge sul betting che vieta alle agenzie di scommesse di investire nel calcio”.

Foto: Torino Twitter