saputo uff Bologna

Bologna, parla Saputo: “Sono preoccupato, ma non retrocederemo. Con Sansone e Soriano…”

Joey Saputo, presidente italo-canadese del Bologna, ha parlato attraverso un video messaggio pubblicato sul sito ufficiale del club rossoblu: “Prima di tutto voglio mandare un messaggio di buon anno, pieno di salute a tutti i nostri tifosi. Con l’inizio del 2019 voglio rassicurare i nostri sostenitori e i nostri partner che senza alcun dubbio la retrocessione non è da prendere in considerazione. Abbiamo lavorato troppo duramente e investito tanto negli ultimi tre anni per essere nella posizione in cui siamo oggi. Guardando la situazione attuale mi sono chiesto cosa è stato fatto e cosa sia necessario fare per avere la certezza di non trovarci mai più in questa posizione in futuro. Come voi, anche io sono preoccupato, ma non voglio che il mio silenzio delle ultime settimane sia confuso con l’indifferenza nei confronti del nostro club. Le mie azioni d’ora in avanti parleranno più delle mie parole. L’investimento fatto per i due primi rinforzi di questa prima finestra di mercato del 2019 parla chiaro a proposito del mio desiderio di rimanere in Serie A. Con l’arrivo di Sansone e Soriano, ai quali voglio dare il mio personale benvenuto, posso dire di avere un gruppo di giocatori, tecnici e dipendenti che sono concentrati su questo progetto e con la possibilità di aggiungere altri giocatori entro la fine di questa finestra di mercato, dimostreremo che vogliamo costruire un futuro più luminoso, partendo da questa base. Pur senza guardare troppo oltre e restando concentrati su questa stagione, voglio assicurare ai nostri sostenitori, ai media e ai nostri partner che il Bologna sta preparando un nuovo piano di investimenti per il futuro. Ho sempre detto che è mia responsabilità riportare il Bologna a confrontarsi in competizioni internazionali. Questo è ancora il mio obiettivo, ma per raggiungerlo il piano deve cambiare. E cambierà. Fino ad allora, ho bisogno che siate uniti e partecipi. Il club ha bisogno del vostro appoggio e i giocatori hanno bisogno di essere incoraggiati. We are one, siamo una sola cosa. E insieme siamo più forti. Supereremo questo momento difficile e tutti noi, insieme, raccoglieremo i frutti di questa lotta. Grazie e forza Bologna”.

Foto: Bologna Twitter

Archivio: Altro