Ultimo aggiornamento: venerdi' 18 giugno 2021 00:31

Allegri: “Ai calciatori bisogna guardare le gambe, sono come i cavalli. Tattica e schemi? Tutte p……te”

19.12.2019 | 20:26

Massimiliano Allegri, ex allenatore della Juventus, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di ESPN toccando diversi argomenti: “Federico Tesio, uno dei più grandi addestratori di cavalli di sempre, diceva sempre che devi andare a vedere i cavalli al mattino e guardare come muovono le gambe. È la stessa cosa con i giocatori. Vai a vedere i giocatori e guardi come muovono le gambe, solo così che scopri se sono in buona forma o meno. Poi solo dopo guardi le statistiche e vedi se confermano quello che hai visto o meno. La tecnologia? Ho soltanto un ipad, che mi ha regalato la Juventus. L’allenatore deve mettere gli altri giocatori in una posizione ideale per portare la palla a campioni come Ronaldo, Dybala, Seedorf, Ronaldinho o Pirlo, poi una volta che hanno la palla decidono loro cosa farne, qual è la decisione migliore. Mio figlio ha 8 anni e ogni tanto andiamo su YouTube e guardiamo i grandi giocatori, le cose fantastiche che fanno in attacco e in difesa, perché il calcio è arte. In Italia si parla solo di tattica, di schemi… sono tutte puttanate. Il calcio è arte e gli artisti sono i giocatori di livello mondiale. Non devi insegnare loro nulla, basta ammirarli. Tutto ciò che devi fare è metterli nelle migliori condizioni per fare bene. Mi piace vedere quando un grande calciatore fa qualcosa di incredibile. In panchina sono uno spettatore che guarda uno spettacolo messo in scena da qualcun altro e quel qualcun altro è proprio un calciatore. La panchina in tribuna? Un tecnico deve respirare il gioco, deve capire quando è il momento di fare un cambio e di che tipo di giocatore ha bisogno la squadra. Come puoi vederlo dagli spalti? Ho dovuto farlo alcune volte e ti senti distaccato. Non senti i suoni del campo, non guardi i giocatori in faccia, non capisci se devi sostituirli o incoraggiarli. L’APP Virtual Coach per leggere le statistiche e i dati in tempo reale? Ora abbiamo davvero finito. Se meccanizzi tutto, non hai più giocatori pensanti. Se i giocatori sono abituati ad attraversare facilmente una porta e una volta quella porta è chiusa, quando si troveranno in difficoltà finiranno per sbattere la testa contro di essa. Se i giocatori sono abituati a pensare da soli, cercheranno di trovare un’altra via d’uscita. Quando ero un giocatore 30 anni fa avevo Bruno Giorgi, uno di quei vecchi allenatori che ora tutti denigrano. Era il mio allenatore al Cagliari e sulla lavagna metteva i giocatori in coppia e poi li circondava. Alla fine della conversazione di squadra, diceva: ‘Chi vince più duelli vince la partita’. Nel calcio hai un avversario davanti a te e devi batterlo. Quando la palla viene rinviata, se vinci il colpo di testa hai la palla 70 metri dalla porta, mentre se lo perdi a 20 metri. Se vinci 18 duelli su 20, è più difficile per il tuo avversario avere la possibilità di segnare contro di te”.

Foto: Juventus Twitter