Abate

Abate: “Un onore dieci anni in rossonero. Al Milan manca poco per tornare grande”

Intervistato ai microfoni di MilanNews.it, Ignazio Abate, terzino del Milan, ha rilasciato alcune dichiarazioni parlando dei suoi dieci anni in rossonero oltre che di argomenti di stretta attualità sulla squadra meneghina partendo da Gattuso come compagno di squadra e come allenatore: “In un certo senso, sono molto simili. Decisi, con azioni istintive, hanno entrambi a cuore le sorti della nostra società. Da compagno ho preso qualche schiaffone in più, ma anche ora devo stare attento altrimenti… (ride, ndr)”. Sui 10 anni al Milan: “In dieci anni, come ho già detto, è sempre un onore e una gioia indossare questa maglia. Quella che ho sempre sognato da ragazzino, indimenticabile l’anno dello Scudetto e quello dell’esordio. Con Allegri il periodo più forte del mio Milan”. Cosa manca a questo Milan per tornare grande? “Non manca molto, questa squadra ha qualità ma deve fare il salto di mentalità. Possiamo lottare per i posti al vertice”. La giornata tipo: “Semplicissima. Sveglia alle 7, porto i figli a scuola e alle 8.15/8.20 vengo a Milanello, poi torno a casa, vado a prendere i miei figli e sto in casa tutto il giorno con loro”. La partita contro il Genoa: “Difficilissima, gli ultimi anni abbiamo sofferto molto contro di loro. Sono molto fisici e corrono tanto, dovremo giocare con rabbia. Magari meno bello ma per prendere i tre punti ad ogni costo”.

Foto: Twitter Abate

Archivio: Altro