Altro
Spain's goalkeeper Kepa Arrizabalaga is seen during the UEFA U-21 European Championship Group B football match Spain v Macedonia in Gdynia, Poland on June 17, 2017.
Spain won the match 5-0. / AFP PHOTO / Maciej GILLERT        (Photo credit should read MACIEJ GILLERT/AFP/Getty Images)

KEPA, IL GUARDIANO BASCO CON IL REAL NEL FUTURO

Durante questa stagione, in Liga, finora a sorprendere tutti è stato Kepa Arrizabalaga Revuelta, noto semplicemente come Kepa, giovane e promettente portiere dell’Athletic Bilbao. Il suo rendimento sta confermando i buon propositi e le grandi aspettative, la sua stella è pronta a brillare. Il suo nome è circolato per molto tempo sui vari media spagnoli e non solo, ma ora il Real Madrid avrebbe sbaragliato la concorrenza assicurandosi il suo cartellino. Un’operazione in prospettiva, per il futuro e, intanto, il classe 1994 nato a Ondarroa (Paesi Baschi) il 3 ottobre, può godersi il favorevole momento. La sua carriera inizia nel 2004, Kepa ha 10 anni e viene notato e osservato dall’Athletic Bilbao che non ci pensa due volte e lo tessera inserendolo all’interno del proprio prolifico settore giovanile. Il suo percorso di crescita è graduale e costante, Kepa compie l’intera trafila e i suoi progressi sono notevoli. Il club basco è consapevole di avere tra le mani un portiere dal futuro garantito. Così, per permettergli di fare un po’ di esperienza, decide di girarlo in prestito, dal 2011 al 2013, al Baskonia in Tercera Division. Con i gialloneri gioca con regolarità, sfoggia le sue immense capacità tra i pali e disputa in totale oltre 40 partite. Un numero di presenze non indifferente per un 20enne in rampa di lancio. Nel 2012 Kepa rientra alla base e stavolta viene aggregato nella squadra B dell’Ahtletic.

A questo punto l’estremo difensore basco inizia a calcare i campi della Segunda Division, dal 2012 al 2015 si disimpegna con personalità e colleziona più di 50 apparizioni. Il suo rendimento è a dir poco convincente, la dirigenza dell’Ahtletic è sempre più convinta delle sue doti e lo blinda con un lungo contratto prima di cederlo nuovamente a titolo temporaneo al Ponferradina e al Real Valladolid. Entrambe le esperienze si rivelano positive e, finalmente, Kepa può entrare a far parte della prima squadra dei Leones. Il classe ’94 si allena con abnegazione e spiccata professionalità, il suo carisma gli consente di guadagnare presto la fiducia del gruppo e in poco tempo anche l’opportunità di scendere in campo in Liga, la massima serie spagnola. Infatti, esattamente l’11 settembre del 2016, fa il proprio esordio nella gara vinta per 0-1 in trasferta contro il Deportivo La Coruña. Questa sarà soltanto la prima volta di una lunga serie, Kepa si guadagna il posto da titolare e si impossessa definitivamente delle chiavi della porta. Le sue ottime prestazioni gli regalano anche, dopo le chiamate in Under 18, 19 e 20, la convocazione in Nazionale Under 21 con cui si piazza al secondo posto durante l’Europeo di Polonia 2017. Quest’anno, infine, Kepa ha dimostrato di avere la stoffa del campione e di poter spiccare il volo. Le sirene di mercato non l’hanno affatto infastidito, il suo score è rimasto invariato e il Real Madrid, sempre attento e vigile sul mercato, gli ha messo gli occhi addosso e, come riportano i principali media spagnoli, tra cui Marca, negli ultimi giorni avrebbe raggiunto l’accordo definitivo per il suo acquisto: 25 milioni di euro nelle casse dei baschi e contratto di sei anni a 3,5 milioni per il giovane portiere. Il futuro, dunque, già sorride a Kepa, ma per ora il presente si chiama Ahtletic Bilbao.

Foto: 90min

Commenti

Archivio: Altro